Università: guerra ai “furbetti delle borse di studio”

furbetti delle borse di studio

Sono i “furbetti delle borse di studio”: quegli studenti che dichiarano il falso pur di accedere alle sovvenzioni messe a disposizione dalle Università e dagli Uffici per il diritto allo studio.

Oggi l’ARSSU (Azienda regionale per i servizi scolastici e universitari della Liguria) ha revocato per falsa dichiarazione ben 290 delle borse di studio concesse per il 2012. Un totale di 300 mila euro in sovvenzioni e in servizi allo studente, come la mensa o i posti letto, che verranno messi a disposizione degli studenti meritevoli del prossimo anno accademico.

Una percentuale che si attesta intorno al 10% delle domande di borse ricevute dall’Ufficio regionale della Liguria che quest’anno, anche grazie ai fondi recuperati, distribuirà 3.172 borse di studio (390 monetarie e 1244 in servizi), 300 in più rispetto allo scorso anno.

Ma la lotta ai “furbetti delle borse di studio”, non si limita solo alla Liguria: lo scorso luglio, ad esempio, l’Università di Teramo ha stipulato una convenzione con la Guardia di Finanza per verificare i dati autocertificati dai ragazzi che richiedono i contributi allo studio. Le Fiamme Gialle effettueranno, cos, dei controlli a campione in base ai dati forniti loro dall’azienda che gestisce le borse (Adsu).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Andrea Bocelli Foundation: il 6 dicembre incontro al MIT di Boston sull'eccellenza scientifica

Next Article

Istituti Tecnici Superiori (ITS): il 60% dei diplomati trova subito lavoro

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".