Anche una sola sigaretta al giorno raddoppia le probabilità di morte improvvisa

Ecco un altro buon motivo per smettere di fumare, magari come uno dei buoni propositi per il nuovo anno: fumare anche poche sigarette al di’, i cosiddetti fumatori moderati (da 1 a 14), raddoppia il rischio di morte improvvisa, almeno tra le donne. E’ quanto emerso da un maxi-studio pubblicato sulla rivista ‘Circulation: Arrhythmia and Elettrophisiology’, un giornale dell’American Heart Association, e coordinato da Roopinder Sandhu dell’Universita’ di Alberta in Canada.

Gli esperti hanno condotto la ricerca coinvolgendo oltre 100 mila infermiere seguite per tre decadi. I ricercatori hanno incrociato i dati relativi ad abitudini e stili di vita delle donne, in media tutte sopra i 35 anni con i dati sui decessi intercorsi durante i 30 anni di durata dello studio. E’ emerso che le donne fumatrici, anche quelle che si limitano a fumare pochissime sigarette al giorno (da una sola a 14) – illudendosi, magari, di tenersi in questa maniera al riparo dai pericoli del fumo – il rischio di morire di morte cardiaca improvvisa e’ il doppio piu’ elevato rispetto alle non fumatrici.

La morte improvvisa per arresto cardiaco e’ un evento che in genere ha cause genetiche quando si verifica sotto i 35 anni di eta’, ma non se si verifica in over-35, cioe’ l’eta’ media del campione in questa ricerca. Sopra i 35 anni la morte improvvisa e’ imputabile a patologia delle arterie coronarie, quelle che ossigenano il cuore. Gli esperti hanno dimostrato che anche le donne che fumano poco sono piu’ soggette a questo rischio e il rischio di morte sale dell’8% ogni 5 anni di fumo sulle spalle. Viceversa, il rischio si riporta ai valori di un non fumatore dopo vent’anni dall’ultima sigaretta.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sposarsi si, ma solo se lo chiede lui. In ginocchio e con l'anello

Next Article

"Voci dal Colosseo", arriva l'App che vi racconta i monumenti

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale