Anche i maiali giocano ai videogame

Maialini addestrati a utilizzare un joystick con il muso: il risultato di un esperimento condotto dai ricercatori della Purdue University

Quattro maialini e sono stati addestrati a utilizzare un joystick con il muso. Descritto sulla rivista Frontiers in Psychology, questo è il risultato di un esperimento condotto dai ricercatori della Purdue University

Si chiamano Hamlet, Omelette, Ebony e Ivory, sono quattro maialini e sono stati addestrati a utilizzare un joystick con il muso per giocare ai videogame. Descritto sulla rivista Frontiers in Psychology, questo è il risultato di un esperimento condotto dai ricercatori della Purdue University, che hanno insegnato ai suini a giocare con i videogiochi utilizzando il muso.

I maiali hanno compreso la connessione tra il joystick e il cursore – spiega Candace Croney della Purdue University – il che non è cosa da poco. Hanno anche continuato a giocare quando il distributore di ricompense alimentari, che si azionava quando il livello di gioco veniva superato, si è rotto”.

Il team ha coinvolto quattro esemplari, due Yorkshire americani, Hamlet e Omelette, e due maialini nani, Ebony e Ivory. Il videogioco consisteva nel colpire un bersaglio e gli animali avevano a disposizione un joystick per direzionare il lancio. “Hamlet e Omelette hanno avuto difficoltà nei livelli complessi, ma si sono dimostrati abili nelle prime fasi dell’esperimento – riporta l’esperta – Ebony, invece, riusciva a colpire il bersaglio nel 34 per cento delle volte, mentre Ivory metteva a segno il 76 per cento dei tiri. Tutti i tentativi erano deliberati e mirati e non casuali, il che è davvero sorprendente”.

Il gruppo di ricerca sottolinea che tutti gli esemplari avevano compreso l’associazione tra il joystick e il movimento del cursore. “Questi studi sono importanti perché, al pari di quanto accade con qualunque essere senziente – sostiene la ricercatrice – il modo in cui ci rapportiamo con i maiali è interessante. Il fatto che questi animali riescano a manipolare una situazione per ottenere una ricompensa non è affatto una sorpresa, basta guardarli negli occhi per intuire la loro intelligenza”.

I maiali non possono ovviamente competere con le specie dotate di pollici opponibili – conclude Croney – lo stesso esperimento eseguito con scimmie e scimpanzé ha mostrato che i primati sono stati in grado di soddisfare requisiti molto più elevati, ma il nostro lavoro dimostra ancora una volta che i maiali sono animali davvero intelligenti”. 

agi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università: al via Premio laurea dedicato a Salvatore Satta

Next Article

Covid-19, le modalità per il rimborso dei canoni di locazione studenti

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale