Amadori, selezioni aperte a laureati 10+

careerday.pngTradizione e innovazione i due elementi che contraddistinguono il gruppo sul mercato. Un polo di grande attrattiva soprattutto per chi esce da facoltà quali Economia, Agraria, Veterinaria, Ingegneria. Per Amadori la specializzazione e le competenze tecniche rappresentano la base di partenza su cui costruire il proprio percorso lavorativo. Il gruppo è interessato ad inserire nella sua struttura giovani che vogliono crescere professionalmente attraverso volontà e lavoro di squadra. Così in un momento di generale crisi del mercato, l’azienda è riuscita comunque ad inserire nella sua organizzazione nuove Risorse, come ci spiega Paolo Pampanini, direttore del personale.
Amadori si basa su una cultura aziendale che pone le “risorse umane” al primo posto. Sono loro la vostra forza?
Raggiungiamo traguardi di business e successi con i clienti puntando sulla eccellenza delle persone. Per questo le Risorse crescono al nostro interno, seguendo percorsi di crescita professionale che cercano di coniugare le loro attitudini con le esigenze della organizzazione, assicurando l’acquisizione di competenze specialistiche e trasversali. E’ proprio la grande attenzione dedicata alla crescita delle Risorse interne che rende centrale il tema del reclutamento di giovani neolaureati. Passione, senso di appartenenza e professionalità sono le tre caratteristiche dalle quali partire per inserirsi in azienda.
Ma cosa guardate nel curriculum di un neolaureato?
L’azienda dà importanza al percorso scolastico del giovane e valuta le eventuali esperienze professionali precedenti. Naturalmente, sono tenute in grande considerazione le motivazioni e le aspettative della persona.
Su quali lauree puntate?
Le lauree di maggior interesse sono quelle economiche, ma sono ritenuti molto validi anche titoli di studio di tipo tecnico legati al mondo agrario e alla zootecnia, come Scienze e Tecnologie alimentari, Agraria, Scienze delle produzioni animali.
Qual è il percorso formativo del vostro candidato ideale?
La nostra azienda è una realtà complessa poiché abbiamo la gestione diretta dell’intera filiera, per cui le figure professionali sono molto diverse fra loro e spaziano dal tecnico di allevamento al direttore commerciale. Non esiste un percorso formativo ideale standard, tuttavia la specializzazione e le competenze tecniche, in base al proprio percorso di studio, rappresentano, per noi, una buona base di partenza. Il primo contatto con le risorse umane avviene tramite l’invio del proprio curriculum sul sito aziendale.
Ci sono altre modalità di incontro diretto?
Grazie al nostro sito internet riceviamo circa 300 curriculum al mese. Ma, oltre al sito, partecipiamo anche ad eventi che ci consentano un incontro diretto con i giovani, come per esempio, i Career Day ai quali abbiamo partecipato, finora, con il nostro stand e, in alcuni casi, con workshop dedicati all’azienda. Amadori cura con particolare attenzione la selezione dei candidati: è previsto un primo colloquio conoscitivo con la Funzione del Personale, successivamente viene individuata una rosa di candidati che sosterrà colloqui di approfondimento più tecnici con i responsabili interessati alla ricerca. Talvolta, a seconda dell’importanza della selezione, è necessario un terzo colloquio, nel quale vengono coinvolti anche i direttori di divisione.
Amadori conferma la sua attenzione verso la formazione sponsorizzando “i Master Aziendali”. Una strada “diversa” per facilitare l’inserimento nel mondo del lavoro?
Amadori è molto attenta alle esigenze e alle aspettative economiche e sociali del proprio territorio. Per questo motivo riteniamo che la sponsorizzazione di Master Aziendali sia la risposta concreta ai giovani e al territorio in quanto permette di formare quelle competenze distintive, vera forza propulsiva dello sviluppo economico di un territorio. L’azienda e il mondo accademico sono due mondi che, insieme – e nel pieno rispetto delle proprie autonomie – dovrebbero impegnarsi in una collaborazione continua al fine di promuovere e agevolare l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro.
Attualmente siete alla ricerca di profili?
Le posizioni oggi aperte – che si trovano anche nel nostro sito internet (www.amadori.com, pagina “lavora con noi”) – sono: assistente vendite export (si richiede la conoscenza del tedesco e inglese), product manager marketing assistant, specialista logistica, manutentori specializzati, tecnici di allevamento.
Infine, diamo un ultimo suggerimento a quei ragazzi che vogliono intraprendere una carriera azienda…Per quanto riguarda un suggerimento ai ragazzi, direi che gli elementi determinanti per affrontare un buon colloquio di lavoro sono la motivazione e l’atteggiamento positivo del candidato, intesi come proattività, voglia di imparare e disponibilità.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"I Baroni", diario di un cervello cacciato

Next Article

A Torino e Palermo il G8 delle Università

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.