Alonso sfiora l’impresa, ed i bimbi scoppiano in lacrime

fonte foto corrieredellosport

Il miracolo non c’è stato. Sebastian Vettel è campione del mondo. Fernando Alonso ha perso per soli 3 punti il campionato di Formula 1 dopo una gara splendida in Brasile sul circuito di Interlagos. I tifosi spagnoli sostenitori del ferrarista si erano riuniti per seguire insieme l’evento; hanno sperato fino all’ultimo in una vittoria che avrebbe avuto il sapore dell’impresa, ma non c’è stato niente da fare. E così i bambini, quelli dai sentimenti più sinceri, sono scoppiati in lacrime per il sogno sfumato.

Eppure la gara è stata in bilico fino all’ultimo giro. La pioggia, le condizioni variabili della pista, gli incidenti; è stato un gran premio dall’esito tutt’altro che scontato. Al primo giro, poi, Vettel era incappato in un incidente che l’aveva fatto sprofondare all’ultimo posto, come accaduto anche nella gara di Abu Dhabi,. La sua rimonta è stata pazzesca, favorita anche dalle condizioni della pista che cambiavano ad ogni tornata.

Alonso, intanto, approfittava degli incidenti davanti a sé per piazzarsi al secondo posto. Ma non bastava. Serviva il gradino più alto del podio per laurearsi campione, con Vettel fermo alla sesta piazza. Button, leader della gara, non ha ceduto. I tifosi della rossa ci hanno sperato fino alla fine: la pioggia, un rivolo d’acqua sulla pista, un cordolo bagnato; bastava poco per andare in testacoda.

Ma le posizioni sono rimaste le stesse fino alla fine. Button primo a trionfare sotto la bandiera a scacchi, Alonso secondo e Vettel sesto. Un sogno durato un anno intero sfumato in una gara incredibilmente bella. Bravo Vettel, bravo Alonso e bravo al bambino triste: quelle lacrime lo faranno crescere.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dopo la laurea gli americani si trasferiscono in Asia o nei paesi arabi

Next Article

Sigaretta elettronica: il nuovo verdetto

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".