Dopo la laurea gli americani si trasferiscono in Asia o nei paesi arabi

Giovani laureati americani a caccia dell’american dream all’estero, in particolare Asia e nei paesi arabi. E’ questo il quadro che emerge dai dati pubblicati dal dipartimento di Stato secondo il quale al momento 6,3 milioni di cittadini americani studiano o lavorano all’estero, il numero piu’ alto mai registrato. Negli ultimi due anni si e’ quintuplicato il numero degli americani tra i 25 e i 34 anni, passando dall’un per cento al 5,1%, che si stanno trasferendo all’estero.

E il dato forse piu’ interessante e’ quello che ora tra i giovani tra i 18 e i 24 anni, vale a dire quelli che stanno completando gli studi universitari, il 40% e’ interessato all’idea di andare a lavorare o continuare gli studi all’estero. Nel 2007 era il 12%. E’ poi cambiato anche il profilo di chi si trasferisce: se un tempo gli expatriates erano solitamente persone che lasciavano il paese piu’ ricco del mondo in cerca di avventure, o perche’ il loro tipo di carriera impone questo trasferimento, ora i giovani partono perche’ non riescono a cercare lavoro negli Stati Uniti, almeno un lavoro che li soddisfi a pieno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Spazi sottratti agli studenti, gli attivisti occupano una palazzina di Mezzocannone

Next Article

Alonso sfiora l'impresa, ed i bimbi scoppiano in lacrime

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.