Spazi sottratti agli studenti, gli attivisti occupano una palazzina di Mezzocannone

Nuova mobilitazione, la notte scorsa a Napoli, da parte degli attivisti di Napoli Choosy Side: occupata la palazzina di via Mezzocannone 12, uno stabile, sviluppato su due piani, in disuso da anni ed un tempo sede di uffici amministrativi dell’Universita’ Federico II. ‘

‘Lo stato di abbandono della palazzina di via Mezzocannone 12 dimostra la quantita’ impressionante di stabili in disuso sottratti agli studenti ed alla citta’ tutta presenti su via Mezzocannone – spiegano gli attivisti – Oltre all’auditorium all’interno della sede Adisu che resta occupato, ed alla ex mensa nella stessa struttura anch’essa occupata, la palazzina di via Mezzocannone 14 completa un enorme perimetro di spazi che per troppi anni sono stati sottratti alla citta’ mentre la carenza di spazi sociali, spazi di ricerca e formazione accessibili a tutti e tutte, luoghi di iniziativa culturale e spazi abitativi e’ diventata una vera e propria emergenza nella citta’ di Napoli”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Modà: gioia tour 2013. Si parte da Roma

Next Article

Dopo la laurea gli americani si trasferiscono in Asia o nei paesi arabi

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.