Allarme dei presidi: “Troppe criticità. Dad ipotesi sempre più concreta”

Con l’Rt in aumento, come anche l’ospedalizzazione in varie Regioni, torna lo spettro della didattica a distanza per gli studenti. Giannelli: “Nonostante la maggiore collaborazione restano i problemi”

Con l’aumento di contagi da Covid-19 nelle aule scolastiche, il presidente nazionale dell’Associazione Presidi, Antonello Giannelli, lancia l’allarme, ricordando che a quindici giorni dalla pubblicazione della nota tecnica sulle indicazioni per l’individuazione e la gestione dei casi Covid, ci sono ancora troppe criticità.

“Nonostante i nostri auspici di una collaborazione più efficace ed efficiente tra istituzioni scolastiche e dipartimenti di prevenzione dobbiamo purtroppo rilevare la sussistenza di forti criticità”, ha detto. E ha poi aggiunto: “Ci attendiamo, quindi, che anche i dipartimenti di prevenzione garantiscano il loro servizio senza soluzione di continuità“. Proprio a causa del trend in atto, la Dad, che era stata abbandonata, “sta riacquistando le posizioni perdute, nonostante le tassative disposizioni di legge sulle attività in presenza e le finalità dichiarate dalla nota tecnica”.

Allarme dei presidi: la nota del Ministero

Lo scorso 6 novembre da Viale Trastevere è stata diffusa una nota agli istituti scolastici, dove si ricorda che “le azioni di sanità pubblica ricadono nell’ambito delle competenze dei Dipartimenti di Prevenzione (DdP) che risultano incaricati della disposizione delle misure sanitarie da intraprendere, inclusi l’isolamento dei casi, la quarantena dei contatti e le tempistiche per il rientro a scuola degli alunni/studenti/operatori scolastici“. Viene poi specificato che “fino all’intervento dell’autorità sanitaria, nell’immediatezza della conoscenza del caso positivo, l’Istituto scolastico attiva la seguente procedura già definita e standardizzata, che non comporta alcuna valutazione discrezionale di carattere sanitario”.

Il presidente dell’Anp ha spiegato che, con questi presupposti, “i dirigenti delle scuole, ancora una volta, non stanno venendo meno a gravose responsabilità – determinate unicamente dall’eccezionalità del contesto emergenziale – pur di garantire il servizio scolastico e la tutela della sicurezza collettiva. Sappiamo bene quanto il sistema sanitario si sia speso finora – e continui a farlo – per difendere il Paese dalla pandemia e gliene siamo grati”. L’allarme è concreto: “In alcune realtà rileviamo con amarezza che quel ‘caso in cui le autorità sanitarie siano impossibilitate ad intervenire tempestivamente’ rischia di tradursi in un ‘quasi sempre'”.  

Total
11
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Prima giornata europea delle lingue e culture antiche

Next Article

Concorso Ministero di Giustizia: posizioni per 5410 diplomati e laureati

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident