Allarme bullismo nelle scuole francesi: su TikTok è partita l’assurda caccia ai ragazzi nati nel 2010

Da settimane sui social network l’hashtag #Anti2010 dilaga, al punto che ha accumulato 40 milioni di citazioni. Preoccupati i genitori: “Clima di terrore tra i nostri figli. Governo intervenga”.

È allarme bullismo nelle scuole francesi, un fenomeno davvero pericoloso che fa fatica a lasciare le aule scolastiche e che quest’anno viene amplificato e reso ancor più pericoloso per le vittime dall’uso di social network, in particolare TikTok.

Nel mirino dei bulli, sia virtuali che reali, ci sarebbero i ragazzi nati nel 2010 che hanno fatto quest’anno il loro ingresso in prima media e che in molti casi vengono presi in giro e insultati.

Da settimane l’hashtag #Anti2010 dilaga sui social, al punto che ha accumulato 40 milioni di citazioni. Su TikTok si moltiplicano le prese in giro, gli insulti, le minacce. Alcuni invitano a
postare on line gli abbigliamenti “più brutti” dei ragazzini che si affacciano alla scuola media, circolano Gif inquietanti come quella di un ragazzo in uniforme militare che bussa a una porta
mentre appare la scritta “ho trovato l’indirizzo di un 2010“.

La FCPE, associazione di genitori, ha lanciato un appello al governo perché intervenga e vigili sul clima di paura che in molte scuole si è ormai instaurato e il ministero dell’Educazione ha inviato una lettera di avvertimento a tutti i presidi e direttori di scuola.

Total
4
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Smart working al capolinea in Italia ma in Germania continuano a crederci: le offerte di lavoro da casa sono triplicate

Next Article

Si presenta all'esame in short: studentessa costretta a coprirsi le gambe con una tenda. "Mi hanno umiliata"

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".