Alla Sapienza chiamata diretta per sei ricercatori eccellenti


Il Senato Accademico della Sapienza ha dato il via libera alla chiamata diretta, nel ruolo di professore associato, di sei vincitori di programmi di ricerca dell’Unione Europea. 
I sei ricercatori, tre uomini e tre donne, entreranno a far parte del corpo accademico dei professori dopo la valutazione del Consiglio Universitario Nazionale. 

La Sapienza è la prima Università italiana a decidere di avvalersi di una norma della legge 230/2005 che offre agli Atenei la possibilità di coprire una percentuale dei posti di professore ordinario e associato con studiosi insigniti di riconoscimenti scientifici internazionali.

“Di fronte alla fuga dei cervelli questa scelta è la dimostrazione – spiega il rettore Luigi Frati – che, se c’è la volontà, esistono strumenti per valorizzare i talenti scientifici migliori,  capaci di attrarre risorse competitive per la ricerca”. 

I sei premiati Erc candidati al posto di professore associato della Sapienza sono giovani talenti della fisica, della biologia, della matematica, della geologia.  Sono autori di ricerche innovative che vanno dalla scoperta del meccanismo di crescita della piante, alla definizione delle proprietà del quarto stato della materia, alla individuazione delle cause di alcuni terremoti, alla ricerca bio-molecolare sui vettori della malaria.   

Il Senato Accademico della Sapienza ha deliberato l’accantonamento di risorse pari a 3.5 punti organico per la chiamata dei sei ricercatori, prevedendo una ridistribuzione dei fondi in  caso di cofinanziamento del Miur.
 
L’ERC (European Research Council) è la maggiore organizzazione europea che sostiene
progetti di ricerca di base, con finanziamenti che ammontano a oltre un miliardo di euro l’anno. I premi ERC, oltre a rappresentare un importante finanziamento alla ricerca universitaria, sono considerati tra i più prestigiosi riconoscimenti internazionali. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Formazione, territorio, riorganizzazione: la ricetta per salvare il sistema sanitario italiano

Next Article

Bioingegneria e staminali, assegnato il premio Altran

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale