Bioingegneria e staminali, assegnato il premio Altran

Fabiola Munarin – vincitrice del premio

Lunedì 26 novembre 2012, la Fondazione Altran per l’Innovazione ha assegnato il Premio 2012 dedicato al tema “Bioingegneria e staminali: idee per la vita” a Fabiola Munarin, 29enne ricercatrice del Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano. La cerimonia di premiazione si è svolta nella prestigiosa Villa Mondragone (Monte Porzio Catone, RM), sede di rappresentanza dell’Università di Roma Tor Vergata, partner di Altran Italia e della Fondazione Altran per l’Innovazione per il bando di concorso “Bioingegneria e staminali: idee per la vita”. Il Premio è stato conferito dal CEO & Chairman di Altran Italia, Marcel Patrignani, e dal Presidente Onorario con delega all’Etica, Dott.ssa Aurora Sanza.

 Il vincitore beneficerà di 6 mesi di accompagnamento tecnologico da parte degli esperti del Gruppo Altran, che potranno intervenire in tutte le fasi del progetto, dall’idea iniziale alla fase di roll-out del prodotto, tra cui l’organizzazione del progetto, la comunicazione e la ricerca di partner. Fabiola Munarin e il suo team riceveranno un sostegno personalizzato per soddisfare le loro esigenze specifiche, contribuendo in tal modo ad accelerare lo sviluppo del progetto.

 Il Premio della Fondazione Altran in Italia è il quinto della serie europea per l’edizione 2012. Otto Paesi stanno partecipando al concorso scientifico internazionale organizzato dalla Fondazione Altran per l’Innovazione. Quest’anno, ai candidati italiani è stato chiesto di esplorare il tema “Bioingegneria e staminali: idee per la vita”, un bando che poteva comprendere progetti e lavori atti a comprendere e approfondire i meccanismi di crescita delle cellule staminali per la riparazione di organi e tessuti danneggiati, a realizzare organi e tessuti artificiali e a creare nuovi protocolli terapeutici o sistemi informativi per il controllo dell’immagazzinamento delle cellule staminali e la gestione dei dati derivati.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alla Sapienza chiamata diretta per sei ricercatori eccellenti

Next Article

Adele Marri mette in imbarazzo il Rettore

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.