Al via Accenture Digital Hackathon: premi, stage e tirocini per studenti e appassionati

Trasformare le proprie idee in risultati concreti. È questa l’ultima sfida lanciata da Accenture Digital con la partenza della seconda edizione di Hackathon in Italia, il 28 e 29 maggio. Una competizione aperta a studenti, neolaureati, creative designer, developers, esperti di marketing e data analyst, abili nello sviluppo di prototipi e con una passione in comune:  il digitale e le nuove tecnologie.
L’edizione di quest’anno è dedicata all’Internet of Good Things. Ai partecipanti sarà richiesto di realizzare una soluzione creativa e innovativa in uno dei seguenti ambiti: Healthcare, Education & Learning, Wellness, Home, City, Cultural Heritage. Obiettivo della competizione è la prototipazione di idee, servizi e prodotti che sappiano creare al tempo stesso valore economico e sociale per il territorio e la comunità, mediante l’utilizzo di tecnologie digitali.
Accettare la sfida consentirà ai protagonisti di mettere a frutto in un tempo limitato le proprie conoscenze, condividere le proprie esperienze e integrare le proprie competenze, raccogliendo nuovi stimoli e integrandosi in un più grande network di idee.
Ma nello specifico a chi si rivolge la competizione? L’iscrizione è aperta sia a individui che a team già formati, per un massimo di 5 persone per gruppo: studenti e neolaureati in Informatica, Ingegneria Informatica, Ingegneria Elettronica, Ingegneria delle Telecomunicazioni, Matematica e Statistica di tutti gli atenei italiani.
Per i vincitori ci saranno premi high tech, mentre per i partecipanti, i cui profili risulteranno in linea con le attuali esigenze di recruiting, ci saranno concrete opportunità di stage o assunzione in una delle aree business Accenture.
Per partecipare bisogna registrarsi subito sul portale Accenture dedicato alla Digital Hackathon. La dead line è il 18 maggio 2016.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Mai voltare le spalle all'oceano": comunità di surfisti dona 1,5 milioni di dollari alla ricerca scientifica

Next Article

Tania Cagnotto: “L'esame di maturità? Ero più agitata che alle olimpiadi”

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.