Al bando le sigarette elettroniche nelle scuole: presto un’ordinanza

Presto, in Italia, non si potrà più svapare nelle scuole. Un’ordinanza lo vieterà.

sigarette elettroniche

Il Consiglio Superiore di Sanità ha deciso che presto un’ordinanza metterà al bando le sigarette elettroniche nelle scuole. Svapare, dunque, farebbe male quanto il fumo tradizionale.

”Al più presto faremo un’ordinanza sulle sigarette elettroniche che segue il parere espresso dal Consiglio superiore di Sanità. In Italia, per adesso, non saranno vietate nei luoghi pubblici, ma scatterà il divieto nelle scuole, nonché per i minori di 18 anni”, ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

Pugno duro per combattere il vizio, dunque: sì anche alle immagini shock sui pacchetti di sigaretta. Venerdì, a Lussemburgo, verrà discussa la proposta contenuta all’interno della direttiva dell’Unione europea sui tabacchi.

In ballo, c’è anche la possibilità di prevedere uno stravolgimento del packaging delle sigarette. I pacchetti diventerebbero più anonimi e sparirebbero del tutto i loghi.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Blitz all'alba: arrestati 7 giovani per gli incidenti all'Università Statale di Milano

Next Article

"Tutto sommato facile", la reazione degli studenti alla seconda prova

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".