Addio ai voti: per valutare gli studenti tornano medaglie e distintivi

medaglie per valutare gli studenti mimerito

Ottimo, distino e buono, oppure i vari 6, 7, 8? Addio ai vecchi voti. Per valutare gli studenti, a scuola tornano le medaglie e le coccarde, come quelle che usavano i nostri nonni.

Un’iniziativa sostenuta dallo stesso Ministero dell’Istruzione che ha testato l’adozione di spille, medaglie e coccarde come strumenti per la valorizzazione del rendimento e dell’impegno scolastico dei ragazzi in 18 scuole sparse sul territorio, per un totale di 185 classi coinvolte e circa 4 mila studenti.

“Mimerito”, questo il nome del progetto, rappresenta un tentativo nuovo per gratificare i ragazzi a scuola: negli istituti che hanno aderito all’iniziativa sono state recapitati 40 distintivi metallici per classe. Tra questi ci sono gli Scudetti d’eccellenza riservati al rendimento scolastico, le Stelle di condotta d’oro e d’argento e i Brevetti d’impegno personale come riconoscimento per la buona volontà e l’impegno.

I ragazzi vengono premiati quando sostengono ottime interrogazioni o brillanti compiti in classe, ma anche quando mostrano atteggiamenti di rispetto verso compagni e docenti oppure quando mettono particolare impegno e dedizione nella loro vita scolastica. Insomma non è solo il rendimento ad essere premiato, ma anche quegli atteggiamenti socialmente virtuosi che generalmente non possono essere riconosciuti tramite i tradizionali voti.

“Di solito, a fine anno – spiega Maria Pia Tomassini, una delle coordinatrici del progetto – diamo medaglie ricordo, o premi per i ragazzi più bravi, ma Mimerito li stimola in modo continuo e capillare per tutto l’anno”.

Le cerimonie di premiazione, infatti avvengono periodicamente durante tutto l’anno scolastico: nella scuola primaria ogni due-tre settimane, alle superiori dopo i consigli di classe. Le medaglie poi vanno restituite dopo due-tre settimane. Nelle classi, infine, vengono affissi dei tabelloni, compresi nel kit, sui quali scrivere i nomi degli alunni che hanno conquistato i distintivi.

Un’iniziativa molto apprezzata, oltre che dagli alunni, anche dagli insegnanti, i quali hanno sottolineato come l’assegnazione delle medaglie sia molto più efficace dei normali voti per gratificare e premiare gli studenti con maggiori difficoltà di apprendimento e quelli con difficoltà di inserimento come i ragazzi disabili.

“Si è innescata una competizione positiva fra gli alunni, con benefici a livello disciplinare –  spiega Barbara Leoncini, responsabile progetti dell’Istituto comprensivo Giovanni Pascoli di Rieti – Spesso i ragazzi si auto-correggono fra loro, ricordandosi che con un atteggiamento non consono potrebbero rimanere fuori dalla concessione dei distintivi per la buona condotta e l’impegno”.

Total
0
Shares
2 comments
Lascia un commento
Previous Article

Attrarre ricercatori esteri e agevolare gli scambi tra i nostri Atenei: il Miur approva il decreto Visiting

Next Article

In Puglia le prime coltivazioni di cannabis autorizzate dallo Stato

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.