Addio a Marcello D’Orta, autore di “Io speriamo che me la cavo”

marcello d'orta io speriamo che me la cavo

Addio a Marcello D’Orta, insegnate e scrittore napoletano autore, tra gli altri, del best seller “Io speriamo che me la cavo”.

D’Orta, malato da tempo, si è spento a Napoli, a soli 60 anni. La notizia del decesso è stata data dal figlio, padre Giacomo D’Orta. I funerali si terranno domani nella Basilica di San Francesco di Paola, in piazza Plebiscito a Napoli.

Marcello D’Orta aveva pubblicato “Io speriamo che me la cavo” nel 1990, raccogliendo 60 temi dei suoi alunni, ai tempi in cui insegnava in una scuola di Arzano. Il libro fu un grandissimo successo editoriale sopratutto grazie all’ingenuità delle testimonianze dei ragazzi che, tra errori grammaticali, dialettismi e battute popolari, riportavano uno spaccato della società in cui vivevano: tra episodi di camorra, contrabbando, prostituzione e gravidanze inaspettate.

Dal best seller fu poi tratto un film con Paolo Villaggio nel ruolo del professor D’Orta. Pellicola campione d’incassi che consacrò definitivamente D’Orta e lo portò a lasciare l’insegnamento per dedicarsi alla stesura dei suoi libri, tra cui alcuni di grande successo come: “Dio ci ha creato gratis” (vendette mezzo milione di copie), “Il maestro sgarrupato” e “Maradona è meglio ‘e Pelé. I bambini di Napoli giudicano il pibe de oro”.

 

 

Total
0
Shares
2 comments
  1. Pingback: Addio Marcello D'Orta, il maestro che insegnava con i temi dei bambini – il Giornale | Sindacato UNSIAU
Lascia un commento
Previous Article

Ondata di occupazioni. Licei e università nelle mani degli studenti. Si protesta contro il decreto stabilità

Next Article

"Mio nonno era comunista", l'ultimo lavoro di Monica Granchi

Related Posts
Leggi di più

Si laurea in autogrill pur di andare allo stadio a vedere una partita di Coppa Italia

Massimo Vitti, tifosissimo del Bari, non ha voluto rinunciare alla trasferta di Parma nonostante fosse già in programma la sua proclamazione a dottore in Economia Aziendale. Si è fermato in una stazione di servizio per collegarsi con l'università in videochiamata: alla fine il voto di laurea è stato di 82 su 110 mentre il Bari ha perso ed è stato eliminato dal torneo.