Addetti booking e assistenti in Alpitour

Alpitour, primo gruppo italiano nel mondo del turismo, ha varie ricerche aperte per quanto riguarda i profili di addetto booking e di assistente turistico nei centri vacanza. L’addetto booking si occupa di vendere al cliente, tramite l’agenzia di viaggio, la sua vacanza, controllando mediante il computer la disponibilità dei voli e dei soggiorni.
Per questa posizione sono necessarie grandi capacità comunicative, in particolare nella conversazione telefonica, che rappresenta il suo principale strumento di vendita. Le sedi lavorative si trovano a Cuneo, Torino e Milano; per candidarsi a quest’offerta occorre inviare il curriculum all’indirizzo [email protected] Diversi sono sicuramente i compiti degli assistenti turistici, i quali operano all’estero nelle destinazioni del gruppo Alpitour, in costante contatto con il cliente e con la realtà locale.
Per ricoprire questa posizione è necessario essere dinamici, estroversi e spigliati e avere una profonda conoscenza delle lingue straniere. L’assistente turistico si occupa di tutti gli aspetti tecnico-organizzativi della vacanza per garantire al cliente il massimo del conforto. La candidatura come assistente turistico si può inviare all’indirizzo email [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Sapienza dice NO a Forza Nuova

Next Article

Alla Luiss gli studenti incontrano il mondo del lavoro

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.