A scuola per imparare le tecniche del risparmio

La Cassa di Risparmio di Fossano, in provincia di Cuneo, ha organizzato, alla fine dell’anno appena conclusosi, una serie di lezioni sul risparmio per circa 400 studenti della Scuola Media.

In collaborazione con la Fondazione Ghisolfi e Miglio l’obiettivo è stato quello di far comprendere ai giovani ragazzi l’attuale situazione di crisi finanziaria e la conseguente importanza del risparmio.

È stato così istituito un Concorso per temi, racconti, poesie e disegni dal titolo “Inventa il risparmio” per il quale sono state premiate, con dei buoni acquisto, tre studentesse che hanno dato prova di esprimere al meglio il concetto di riduzione del superfluo.

«L’educazione finanziaria rappresenta un aspetto trasversale a più categorie sociali e anagrafiche, interessando infatti i risparmiatori di oggi e sempre più quelli di domani alle prese con la perdurante crisi economica e con potenziali minori redditi a disposizione» hanno affermato gli organizzatori, con in testa il Presidente Beppe Ghisolfi. «Compito di una Banca, a maggior ragione per un Istituto a carattere locale, è creare le basi affinché dal risparmio attuale si creino le premesse per uno sviluppo sostenibile e per una solidarietà intergenerazionale per la crescita personale, civica e sociale delle giovani leve».

Le iniziative della Carifo, da anni impegnata nella diffusione della cultura economica, continuano con altri due progetti indirizzati, rispettivamente, alle Scuole elementari (“A scuola di risparmio”) e agli Istituti superiori (“Banca e Scuola”), trasformando Fossano in un vero e proprio laboratorio del risparmio partecipato.

Giovanni Torchia 


Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maratona di allattamento per protestare contro un noto marchio americano

Next Article

Le Primarie della Cultura del FAI

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident