A Roma il trasporto pubblico peggiore d’Europa

atac

Il servizio di trasporti pubblici peggiore in Europa? Indovinate un po’… E’ Roma a guadagnarsi il primato negativo: metro a singhiozzo, ritardi mostruosi, disservizi, ritardi, manto stradale impraticabile. La Capitale ha guadagnato l’ultimo posto nell’intero continente per il trasporto pubblico.

Un controsenso, a prima vista. Più e più volte, negli ultimi mesi, abbiamo denunciato in quali condizioni studenti e lavoratori erano costretti a viaggiare nei mezzi pubblici romani. In barba a tutto questo, l‘Atac (azienda del traporto locale) ha continuato a tappezzare la città di manifesti ultracelebrativi che raccontavano una realtà completamente diversa.

“La situazione dei trasporti a Roma è diventata ormai ingestibile e esasperante per gli utenti – dichiara Lamberto Santini, Presidente dell’Adoc a Repubblica – è la Capitale con la più bassa viabilità a livello internazionale. Alle fermate degli autobus spesso le attese arrivano all’ora, oscillando in media sui 30 minuti, il servizio di metropolitana, in particolare la B1, è spesso fermo o con ritardi mostruosi, le strade, sia centrali che periferiche, sono spesso impraticabili per l’enorme quantità e densità di buche e manto stradale sconnesso, causando traffico e attentando alla sicurezza sia degli automobilisti che dei pedoni. Una mobilità pessima, allo sbando, che deve essere il tema principale di cui il nuovo Sindaco dovrà affrontare. Un impegno non più prorogabile, la situazione va sanata”.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Determinare il sesso del nascituro, contro le malattie ereditarie

Next Article

A 18 anni inventa il sistema per ricaricare il cellulare in 30 secondi!

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.