Determinare il sesso del nascituro, contro le malattie ereditarie

fiocco rosa o blu

 

E’ il primo ospedale universitario dell’Europa continentale a fare una proposta simile. A Basilea, i genitori affetti da gravi malattie ereditarie potranno scegliere il sesso del nascituro. Del resto, la legislazione svizzera autorizza la selezione di spermatozoi.

A confermare la notizia è il Basler Zeitung. La tecnica “Microsort” è stata sviluppata negli Stati Uniti. Grazie ad essa, è possibile separare spermatozoi che possiedono ereditarietà femminile da quelli maschili.
Nell’80% dei casi, si potrà determinare se il nascituro sarà femmina o maschio. E’ così che si potrà combattere la trasmissione di malattie ereditarie come la mucoviscidosi o la distrofia muscolare.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Università sbarca a Chiasso

Next Article

A Roma il trasporto pubblico peggiore d'Europa

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale