Fiorello in tv come testimonial per l’apprendistato

Questa volta Elsa Fornero ha deciso di puntare su una carta vincente. Sarà Fiorello il nuovo testimonial dell’apprendistato e promotore di un nuovo modo di formarsi e lavorare in “una prospettiva di stabilità”. Lo showman siciliano comparirà prima sulle reti Rai e poi sul web e in radio per lanciare la pubblicità progresso del ministero del Lavoro.

Anche i tempi sembrerebbero calcolati al meglio per far presa su un pubblico giovane e che aspetta di inserirsi nel mondo del lavoro. Il lancio dello spot avverrà durante i giorni di Natale, e Fiorello proverà a convincere anche i più ritrosi sulle agevolazioni dell’apprendistato. “La strada tra scuola e lavoro deve essere percorsa al meglio se si vogliono raggiungere dei traguardi”, ha più volte ribaditola Fornero. EFiorello in questo caso rappresenta l’incarnazione ideale di chi quel percorso l’ha realizzato al meglio.

A rafforzare il messaggio della campagna, ci sarà anche il nuovo portale nuovo apprendistato.gov.it, gestito da Isfol e Italia Lavoro per conto del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, interamente dedicato a questo tipo di contratto, con le indicazioni, i consigli, la normativa.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

21 dicembre, Roma attende i Maya a ritmi apocalittici

Next Article

Lavoro, secondo l'Istat meglio il diploma che la laurea

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.