Lavoro, secondo l’Istat meglio il diploma che la laurea

Meglio diplomati o laureati? La risposta arriva dall’Istat, nella tradizionale presentazione dell’annuario statistico. Ed ecco il paradosso: i dati- relativi all’anno 2011 – confermano, infatti, che tra i giovani italiani è più facile trovare un impiego se si è diplomati.

I numeri parlano chiaro; tra gli under 30, i laureati viaggiano con un tasso di disoccupazione che è pari al 25%, mentre la quota scende al 23,6 % se si considerano i diplomati.

Più si scende con l’età, poi, e più il divario si fa netto. La disoccupazione per i giovani laureati tra i 25 e i 29 anni si stima attorno al 14,3%, rispetto all’11,3% dei diplomati delle scuole superiori.
L’istituto di statistica spiega che i motivi principali sono da ricercare nella sempre crescente difficoltà occupazionale che colpisce i giovani italiani nel momento dell’ingresso nel mondo del lavoro.

Il quadro complessivo conferma una sempre minor attenzione verso le università. Del resto il numero degli iscritti è in continuo calo dal 2004. Ma i laureati sembrano prendersi la loro rivincita con il passare degli anni. Nell’età più avanzata sono loro ad avere possibilità maggiori per entrare nel mondo del lavoro, soprattutto rispetto ai colleghi diplomati.

Di certo, però, il dato proveniente dall’Istat conferma una situazione complessa per i giovani italiani, divisi a metà fra un mercato del lavoro bloccato e delle politiche economiche che non trovano ancora soluzioni efficienti.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fiorello in tv come testimonial per l’apprendistato

Next Article

Horizon 2020, gli internauti al Miur: "rafforziamo il ruolo del ricercatore"

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.