A Modena si riscopre il cinema d’autore

L’Università di Modena e Reggio Emilia ha organizzato una rassegna cinematografica che condurrà un viaggio attraverso le origini del cinema d’autore e della cosiddetta “Nuovelle Vague”. Il primo appuntamento in programma è fissato per domani 3 marzo, con la proiezione di “Quarto Potere” di Orson Welles.
Il cinema d’autore è stato “fondato” alla fine degli anni cinquanta da un gruppo di giovani cinefili che intendevano prendere nettamente le distanze dalle produzioni cinematografiche americane e il modo di girare hollywoodiano. Tra questi giovani, che erano registi, critici e studenti della scuola di cinema di Parigi vi erano nomi come Truffaut e Godard. La Nouvelle Vague francese anelava a un distaccamento del cinema dalle altre arti e spezzò le regole vigenti fino a quel momento del montaggio narrativo, facendo notare la presenza della cinepresa, e sperimentando il colore.
La rassegna dell’ateneo di Modena si chiama proprio “Nouvelle Vague e kattivi maestri” suddivide le proiezioni in due principali momenti, il primo dedicato ai classici e il secondo agli autori del cinema contemporaneo, come Von Trier, Tykwer e Tarantino.
“Quarto Potere”, il primo film in programma, è un’interessante ricerca all’interno del mondo della stampa. Dopo la morte del magnate Charles Kane, un giornalista indaga sulla sua vita ma avrà, dai responsi delle interviste effettuate ad amici e colleghi, tutte versioni discordanti.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Il concetto di cinema d’autore nasce negli anni ’10 allorché molti intellettuali si rendono conto che attraverso i film, considerati fino a poco tempo prima “romanzi per analfabeti”, si possono promuovere le idee sull’arte, sulla cultura, sulla politica.
    Quel che è profondamente sbagliato consiste nel porre sempre il cinema d’autore in antitesi al cinema commerciale sotto il segno di una gara, eticamente persa in partenza, fra poesia e prodotto. “Rocky”, film commerciale per eccellenza, e “I pugni in tasca”, quintessenza del film d’autore, suscitano entrambi forte emozioni.
    Chi deve stabilire quali emozioni siano di serie A e quali di serie B? Non certo quei critici cinematografici che, fingendo di proteggere le categorie dell’autore e del pubblico, proteggono la propria. E’ il pubblico, piuttosto, che deve esprimere il giudizio. Con buona pace di chi cerca di influenzarlo, di coloro, cioè, che stigmatizzano i confini fra Nazione e Nazione per poi porne altri, ben più irti e ingiusti, fra film e film, fra pubblico colto e pubblico meno avveduto, per far da arbitri senza arbitrio. Muniti solo di fischietto e ipocrisia. La Settima Arte, per fortuna, ha le spalle grosse.

Lascia un commento
Previous Article

L'Europa tradotta dalla Sapienza

Next Article

Tirocini all’Antitrustper 30 giovani brillanti

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale