Covid, a Milano quasi duemila studenti in isolamento

Aumentano i contagi da Coronavirus nelle scuole di Milano: in totale sono quasi duemila gli studenti in isolamento domiciliare e 54 operatori scolastici. In tutta la Lombardia sono oltre seimila gli studenti in isolamento: maggiormente colpita la fascia dai Gli studenti dai 6 ai 10 anni. Diminuiscono i casi invece tra gli studenti dai 14 ai 18 anni.

Aumentano i casi di Covid-19 nelle scuole della Lombardia. A confermarlo è il report stilato e pubblicato ogni settimana dalla Direzione Welfare. L’analisi fa riferimento ai dati rilevati tra l’1 e il 7 novembre. L’incremento riguarda quasi tutte le fasce d’età: i bambini dai 3 ai 5 anni e i ragazzini dai 14 ai 18 ne sono infatti esclusi. Gli studenti dai 6 ai 10 anni invece sono quelli più colpiti: in questo caso ad aumentare non sono solo i casi, ma anche il tasso di incidenza.

Sono 107 le classi in quarantena (16 della scuola dell’infanzia, 42 della scuola primaria, 28 della scuola secondaria di primo grado e 22 della scuola secondaria di secondo grado). In totale ci sono 1952 studenti in quarantena e 54 operatori scolastici. A Lodi ci sono sette classi in quarantena (due della scuola dell’infanzia, quattro della scuola primaria e una della scuola secondaria di primo grado). Sono 94 gli studenti in isolamento e cinque gli operatori scolastici. A Como invece sono undici le classi in quarantena (tre nella scuola primaria, due nella scuola secondaria di primo grado e sei in quella di secondo grado). In totale ci sono 148 studenti in isolamento e 10 operatori scolastici. A Varese invece ci sono 43 in isolamento (14 nella scuola dell’infanzia, 11 nella scuola primaria, 12 nella scuola secondaria di primo grado e sei nella scuola secondaria di secondo grado). In totale ci sono 798 alunni in isolamento e 35 operatori scolastici.

Meno casi tra gli adolescenti

Per i piccoli che vanno dagli 0 ai 2 anni (si parla di 228.202 persone positive al covid) si registra un incremento di casi rispetto alla settimana precedente: si passa infatti da 75 a 77 positivi. Aumentano anche tra i ragazzini dai 6 ai 10 anni (470.271 studenti) e tra quelli dagli 11 ai 13 anni (294.272 studenti): nel primo caso si è passati da 300 a 370 casi, nel secondo da 146 a 153. Diminuiscono i positivi tra i bimbi dai 3 ai 5 anni (254.609) e tra gli adolescenti tra i 14 e i 18 anni (473.182). I piccoli sono passati da 146 casi a 126, i grandi da 123 a 116. In totale ci sono 370 classi in quarantena e 6.681 alunni isolati.

Nella città di Sondrio sono in totale cinque le classi in isolamento per covid (due nella scuola dell’infanzia, due nella scuola primaria e una nella scuola secondaria di secondo grado). In totale ci sono anche 85 alunni e sette operatori scolastici in quarantena. A Lecco invece sono in totale dieci le classi in isolamento (una nella scuola dell’infanzia, due nella scuola primaria, quattro nella scuola secondaria di primo grado, tre nella scuola secondaria di secondo grado) con 204 alunni e un operatore scolastico in quarantena. Monza ha 70 classi in quarantena (7 nella scuola dell’infanzia, sedici nella scuola primaria, 39 nella scuola secondaria di primo grado e otto nella scuola secondaria di secondo grado) 1288 alunni e 15 operatori scolastici in isolamento.

La situazione in provincia

A Bergamo sono 27 (cinque nella scuola dell’infanzia, otto nella scuola primaria, nove nella scuola secondaria di primo grado e cinque nella scuola seconda di secondo grado) con 447 alunni e nove operatori scolastici in quarantena. Nel bresciano invece se ne contano 35 (sette nella scuola dell’infanzia, 14 nella scuola primaria, quattro nella scuola secondaria di primo grado, dieci nella scuola secondaria di secondo grado) con 601 alunni e 18 operatori scolastici in isolamento. Cremona, invece, ne conta 10 (una nella scuola dell’infanzia, quattro nella scuola primaria, quattro nella scuola secondaria di primo grado e una nella scuola secondaria di secondo grado) con 160 alunni in quarantena. Mentre a Mantova se ne contano 29 (quattro nella scuola dell’infanzia, 10 nella scuola primaria, sei nella scuola secondaria di primo grado e nove nella scuola secondaria di secondo grado) con 604 alunni e 12 operatori scolastici in isolamento. Infine a Pavia sono dieci le classi in isolamentoper covid (due nella scuola dell’infanzia, sei nella scuola primaria, due nella scuola secondaria di primo grado) con 220 alunni e otto operatori scolastici.

Leggi anche:

Total
15
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Eduscopio, scuole che bocciano meno ottengono risultati migliori

Next Article

Olimpiadi Nazionali di Robotica 2022, proroga iscrizioni al 15 dicembre

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident