A Bressanone una tre giorni per fare il punto sulla sostenibilità ambientale

Dai Fridays for Future a un’educazione che sappia valorizzare la sostenibilità fin dall’infanzia. Dal 28 al 30 novembre, insegnanti ed esperti di pedagogia e di differenti discipline umanistiche e scientifiche si incontreranno a Bressanone – durante il convegno Educazione Terra Natura “Io posso: Educazione per lo sviluppo sostenibile” – per presentare le pratiche più innovative di educazione a un nuovo rapporto con le risorse naturali.  

 I Fridays for Future hanno mostrato in tutta evidenza la marcata sensibilità giovanile verso le urgenti tematiche ambientali e sociali. Anche la scuola è chiamata a sostenere le giovani generazioni in questo processo di crescita della loro consapevolezza civile ed ecologica per mezzo di nuove pratiche educative. Il convegno Educazione Terra Natura, alla Facoltà di Scienze della Formazione a Bressanone, rappresenta un tentativo di tirare le somme di tutti gli esperimenti e le migliori pratiche didattico-pedagogiche in tema di educazione ambientale.Il convegno, alla quarta edizione, mette infatti al centro degli interventi degli oltre 50 relatori il tema della sostenibilità, soprattutto ambientale ma anche sociale.
“La Terra è un organismo vivente: sensibile ai comportamenti degli esseri che la abitano, offre risorse e ricchezze biologiche, culturali, linguistiche e al contempo soffre di grandi fragilità. Per questo, ci chiediamo: che cosa posso, che cosa possiamo fare per uno sviluppo sostenibile dell’essere del pianeta? Come immaginare modi ecologici e sostenibili di abitare la Terra?”, chiede Liliana Dozza, prof.ssa di Pedagogia alla Facoltà di Scienze della Formazione e organizzatrice della quarta edizione del convegno, “abbiamo invitato molti colleghi dall’Italia e dall’estero per provare a dare una risposta a queste domande”.
La sessione straordinaria di venerdì, intitolata Fare sistema tra università, scuole e mondo della vita e del lavoro, metterà in dialogo rappresentanti di università, scuole locali, aziende, associazioni e Fondazioni impegnate sui due versanti della sostenibilità e cura dell’ambiente e dell’impegno nel sociale.
Sabato 30 dicembre, dopo le relazioni di chiusura, si terranno le premiazioni del concorso di racconti brevi “Io posso: Educazione per lo sviluppo sostenibile”, riservato a bambine e bambini della scuola dell’infanzia, a studenti e classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, e verrà assegnato il Premio “Fare Scuola fuori dalla Scuola” ai migliori progetti (scuole nel bosco, fattorie didattiche, scuole nei masi etc.) presentati.
Il programma degli interventi, dei laboratori e delle sessioni è consultabile sulla pagina web dell’evento: https://eduterranatura.events.unibz.it/1180-2/.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Approvato il bilancio UE 2020: più spazio a Giovani, Lavoro e Ambiente

Next Article

A Pesaro si regalano per Natale una scuola interamente ecosostenibile

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale