A Pesaro si regalano per Natale una scuola interamente ecosostenibile

Una scuola che guarda al futuro in termini green è una scuola che vuole bene ai suoi studenti e al pianeta. Grazie all’amministrazione di Pesaro una bella realtà scolastica ecosostenibile aprirà i battenti a Natale.

Con il Natale alle porte una bella sorpresa aspetta gli studenti delle scuola media A. Olivieri istituto comprensivo statale di Pesaro. Grazie alla collaborazione con l’azienda specializzata Derbigum, l’edificio risponde pienamente ai C.A.M. – Criteri Minimi Ambientali e aderisce al protocollo LEED. Un passo importante verso un tema importante come quello dell’ecosostenibilità e dell’economia circolare.
La fine dei lavori della scuola media di via Lamarmora è prevista entro Natale. Colpisce subito l’occhio perché è diversa dal classico istituto scolastico. E la sensazione è quella giusta. Si tratta infatti di un edificio interamente ecosostenibile e a basso impatto ambientale pienamente rispondente ai CAM – Criteri Ambientali Minimi, che agiscono sulla riciclabilità ed eco-compatibilità dei prodotti, ma anche sul mantenimento del livello prestazionale nel tempo.
La Pubblica Amministrazione di Pesaro si è dimostrata da subito sensibile alle tematiche green e, recependo i C.A.M, ha deciso di realizzare un progetto che rispondesse ai criteri di sostenibilità adottando il Sistema Certificazione LEED. In particolare, l’obiettivo della scuola media di Pesaro era rientrare nei parametri del protocollo LEED SCHOOL, categoria delle certificazioni più restrittiva per la scelta tipologica dei materiali ammessi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Bressanone una tre giorni per fare il punto sulla sostenibilità ambientale

Next Article

Il Parlamento europeo dichiara l'emergenza climatica: è priorità secondo sondaggio Eurobarometro

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident