A bordo degli aerei con Ryanair

Sono aperte le ricerche di Ryanair per l’assunzione di assistenti di volo; possono partecipare alle selezioni giovani dai 18 anni in su, con buone doti fisiche e natatorie, di altezza compresa tra i 157 e i 185 centimetri.
Requisito indispensabile è la conoscenza ottima dell’inglese sia parlato che scritto, assieme a una predisposizione naturale ai contatti interpersonali, cordialità e flessibilità negli orari di lavoro. Le selezioni si svolgono presso gli aeroporti e poi presso la sede Ryanair con una presentazione del profilo dell’assistente di volo e con interviste di gruppo.
Una volta superata questa prima fase i candidati sosterranno delle interviste individuali. Chi verrà scelto sarà immesso in un programma di training formativo di 5 settimane prima dell’inserimento lavorativo.
Maggiori informazioni sulle selezioni si possono trovare sul sito www.ryanair.com alla voce “careers”.

Total
0
Shares
4 comments
  1. certo è necessario conoscere bene l’inglesse!!!! ma chissa se tutti quelli che lavorano per ryanair conoscono veramente tutte quelle lingue.. Viaggio spesso e una volta dalla Spagna per la Sardegna ho chiesto prima in inglese poi francese e in fine pure in italiano : l’hostess non mi ha saputo pispondere!!!! ho fatto da me!!!! morale l’inglese serve????????????????? but no comment!!!!!!!

  2. Mi associo a quello che è il commento di nicola,
    specialmente nel 2009 ho viaggiato tanto sia con easyjet, ryanair e anche alitalia e airone… Posso dire che i requisiti di selezione che vengono richiesti per entrare a far parte di quel “mondo” io non li riscontro affatto.
    -Non riscontro la conoscenza dell’inglese (conoscono a memoria o leggono li script studiati in fase di corso e che a forza di ripetere si imparano come il proprio nome)
    – Non riscontro la bella presenza ma anzi, persone obbese, calve, (un responsabile di cabina con una cicatrice da taglio chirurgico visibilissima), zero eleganza nei modi ma corse per la cabina, risate ecc.
    – molta disorganizzazione in tutti i sensi , non solo nelle compagnie low cost ma anche in quella di bandiera, con un elevato grado di maleducazione da parte di alcuni assistenti che per giunta ti urlano contro e anche in romano perchè ormai isterici per i ritmi estenuanti di quel lavoro, con gli announcements fatti in “inglese” (per easyjet sempre registrati) e sopratutto in alitalia se fatti in diretta con l’accento romanesco.
    Concludo dicendo “non scherziamo!!!”

  3. Salve a tutti mi chiamo Antonio ho 21 anni sono un pilota di ultraleggeri , tra breve comincero un corso in America di general aviation , il mio obiettivo e diventare pilota della rayanair , ma le spese sono tante per ora non contando sulla famiglia ; il mio inglese non e’ perfetto ma tanto meno base…. vorrei provare a fare un po di esperienza come stewart almenoriuscirei a pagarmi altri brevetti …per le ore lavorative non ho problemi l’importante e’ volare per me , grazie per la vostra attenzione

Lascia un commento
Previous Article

Opportunità per neolaureati nella catena Luxottica

Next Article

Lida Viganoni alla guida dell'Orientale

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.