Opportunità per neolaureati nella catena Luxottica

Stage altamente formativi dalla famosa catena di negozi specializzati nel settore degli occhiali, Luxottica. Le opportunità si rivolgono a neolaureati in ingegneria, economia e discipline umanistiche e prevedono sei mesi di stage più ulteriori 6 mesi finalizzati all’assunzione.
Le aree di inserimento sono tre: le funzioni di staff, quindi business development, risorse umane, marketing, legale; direzioni di business; operation, ovvero acquisti, industrializzazione prodotto, industrial supplì chain, logistica, sviluppo del prodotto.
Il gruppo Luxottica investe molto sui giovani e punta a migliorare continuamente le capacità individuali mediante l’azione e l’assegnazione di incarichi sfidanti. Lo stage è rivolto a neolaureati che conoscono bene l’inglese e sappiano usare il pacchetto Microsoft Office; ulteriori requisiti d’ammissione sono flessibilità, dinamismo e di mentalità aperta alle diversità.
Per ulteriori informazioni sull’azienda e per inviare la propria candidatura è sufficiente collegarsi al sito www.luxottica.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'instant book per sapere chi siede in Parlamento

Next Article

A bordo degli aerei con Ryanair

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.