A 7 anni trova il lavoro al suo papà

Due bambini, di due famiglie diverse. Due nazionalità, due storie opposte. Da una parte Rita e Oliviero, una normale famiglia del trevigiano, che col lavoro di anni mandano avanti una società nel campo della produzione e commercializzazione degli arrosti. Dall’altra Patrick Aduhene, ingegnere ghanese, padre di 3 figlie, che da 4 anni ha perso il lavoro e riesce ad andare avanti solo grazie allo stipendio di sua moglie.

In mezzo, la purezza e la (grande) ingenuità dei due piccoli che sono amici da tempo, frequentano la stessa scuola e la stessa classe, si vedono anche dopo le lezioni, e parlano di tutto, forse di troppo. E’ così che nonno Spolaor, titolare delle ditta, viene a sapere dal nipote che c’è una persona in difficoltà che cerca aiuto. E’ proprio il padre del suo migliore amico.
Dopo 4 anni di stenti, così, Patrick riesce a trovare lavoro: come operai semplice, certo, ma con grande dignità. La vicenda dei due compagni di scuola in seconda elementare del collegio Immacolata sta facendo il giro d’Italia.Una storia di solidarietà ed amicizia, che unisce due famiglie diverse per tutto ma unite dall’amore per i figli e per la vita.
Tanto che il sindaco di Conegliano Veneto, Floriano Zambon, ha invitato in Comune i protagonisti: “Un bell’esempio per noi adulti” – ha commentato. “Un episodio significativo, a volte sottovalutiamo i piccoli, che invece hanno antenne straordinarie all’interno delle famiglie, anche se magari noi grandi tendiamo a non riconoscere il loro ruolo. In più questa storia fa pensare anche per la buona relazione tra due etnie diverse, rispetto a cui i bambini non hanno preconcetti”. Finalmente una bella storia, il racconto di un’amicizia che ha il potere di cambiare le cose.
Raffaele Nappi
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

UK, Francia, Germania: tutti i lavori estivi

Next Article

Ricerca, 30 milioni di euro per cultura e turismo

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.