Ricerca, 30 milioni di euro per cultura e turismo

 
Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, e il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, firmeranno giovedì 19 marzo, alle ore 14:00, presso la Biblioteca Casanatense di Roma (via di Sant’Ignazio, 52), un Protocollo d’intesa per il potenziamento della ricerca applicata al patrimonio culturale e al turismo.
L’accordo, all’indomani dell’approvazione in Consiglio dei Ministri del disegno di legge ‘La Buona Scuola’, è un ulteriore passo verso la piena integrazione tra formazione tecnico scientifica e la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale nazionale.
L’intesa fra Miur e Mibact punta ad offrire a una nuova generazione di studiosi ed esperti gli strumenti per affrontare in modo innovativo il mercato del lavoro valorizzando e mettendo a sistema la rete formativa di Università ed Enti di ricerca.
Particolare attenzione viene data anche alla promozione della lettura attraverso la collaborazione fra Biblioteche e Istituzioni formative.
Il Protocollo viene finanziato dal Miur con 30 milioni di euro. Subito dopo la firma del Protocollo sarà siglato anche il primo Accordo di programma. Restauro sostenibile e sistemi tecnologici di controllo del patrimonio culturale, tecnologie innovative per la didattica nei luoghi della cultura, teche museali high-tech, nuovi servizi di fruizione del patrimonio da parte dell’utenza basati sull’uso della tecnologia e della realtà virtuale sono fra i punti qualificanti dell’Accordo.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A 7 anni trova il lavoro al suo papà

Next Article

Studenti, universitari e laureati: l'OCSE cerca voi

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"