Studenti, universitari e laureati: l'OCSE cerca voi

OCSE l’organizzazione europea per la cooperazione economica e lo sviluppo, organizza annualmente tirocini per studenti e neolaureati presso i suoi uffici europei ed extraeuropei. Alle selezioni possono candidarsi studenti dell’ultimo anno di istruzione superiore (università o altro istituto accreditato) laurea o post-laurea; laureati recenti, cioè entro un anno dalla laurea.
I candidati devono avere una conoscenza della lingua inglese, scritta e orale e di alfabetizzazione informatica; essere in grado di adattarsi a un ambiente internazionale di lavoro multiculturale.
Oltre a questi requisiti minimi, alcune operazioni sul campo possono richiedere conoscenza della lingua russa o supplementari, che saranno elencati nell’avviso di posto vacante.
Candidatura
I candidati sono invitati a consultare le offerte sul sito di riferimento, candidandosi ad una specifica posizione vacante presso l’istituto di interesse.
Bisogna compilare il modulo on-line, scrivendo una breve lettera motivazionale nel campo “Cover Letter”. È possibile aggiungere un curriculum, ma non altri documenti.
Gli stage hanno la durata dai 2 ai 6 mesi e non sono retribuiti. Tuttavia, i candidati selezionati che sono non residenti presso la stazione di servizio possono avere diritto a un indennizzo parziale per il loro costo di spese di soggiorno. Il limite massimo di età per i candidati è di 30 anni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, 30 milioni di euro per cultura e turismo

Next Article

C'è l'Expo? Foresteria più cara e "studenti in fuga"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.