Bari, al liceo sospensioni e denunce dopo l’occupazione. Gli studenti: “Basta abusi di potere”

okkupazione-procida
  

“Sulla scia delle numerosissime occupazioni e manifestazioni di protesta contro “La Buona Scuola” del governo Renzi, la scorsa notte anche il Liceo Scientifico G. Salvemini di Bari ha deciso di radicalizzare la sua protesta attraverso un gesto più forte, deciso democraticamente dal collettivo della scuola.La Dirigente scolastica ha sospeso per 8 giorni 3 studenti e ha esposto per ognuno la denuncia alle autorità giudiziarie. Alle 17 di oggi ci sarà un presidio di protesta sotto l’Ufficio Scolastico Regionale”. Queste le parole dell’UdS, in una nota inviata alla redazione de Il Corriere dell’Università. I ragazzi commentano la dura reazione della preside in risposta all’occupazione e alle manifestazioni di protesta.

“Ci sono state delle polemiche da parte di dirigenti scolastici negli scorsi giorni, ma nessuno è arrivato al punto di sospendere degli studenti e denunciarli, andando a compromettere peraltro anche la carriera scolastica degli stessi – dichiara Francesca Picci, coordinatrice UdS Puglia – La dirigente scolastica si è vendicata personalmente contro un rappresentante d’istituto scomodo e altre due ragazze, senza mai cercare il dialogo con gli studenti, colpevoli di essere attivi nella propria scuola per informare e creare coscienza diffusa rispetto ai problemi che si vivono ogni giorno. “Un pericoloso fondamentalista islamico”, così pochi giorni fa era stato definito dalla dirigente Nicolò agli altoparlanti della scuola. L’azione della dirigente è un atto repressivo senza pari che troverà una risposta forte e collettiva.”

“Non solo la dirigente viola la carta costituzionale, la Carta dei diritti dell’UE e lo statuto dei diritti delle Studentesse e degli Studenti, andando a ledere la libertà di pensiero e dissenso, ma compie un atto politico – conclude Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’UdS -. Da settimane infatti nelle scuole in mobilitazione si vive un clima di repressione politica da parte di dirigenti autoritari e di estrema destra. Se pensano di intimidirci sbagliano di grosso, se pensano di colpirne uno per educarne cento sbagliano altrettanto perché la risposta sarà collettiva, non esclusivamente studentesca, ma di tutte le forze sinceramente democratiche attive a Bari che credono nella partecipazione e nei diritti. E’ finito il tempo degli abusi di potere!”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Faraone: "64 milioni per supplenze brevi. E' il segnale che governo investe sulla scuola"

Next Article

Lingue, integrazione, formazione: al MIUR i risultati de #labuonascuola

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".