Faraone: “64 milioni per supplenze brevi. E’ il segnale che governo investe sulla scuola”

LFSL267X3688-kYPE-U1040805336936VAF-640x360@LaStampa.it

“Lo stanziamento di 64, 1 milioni di euro per il pagamento delle supplenze brevi, deciso ieri dal Consiglio dei Ministri, è un gesto politico di grande rilevanza. È un chiaro segnale che questo governo sta investendo molto nella scuola e non intende penalizzare chi, come i docenti e il personale Ausiliario Tecnico e Amministrativo, lavora ogni giorno per il funzionamento dei nostri istituti”.

Così il Sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone commenta il via libera, ieri, in Consiglio dei Ministri allo stanziamento di 64,1 milioni di euro aggiuntivi per il pagamento di circa 20.000 supplenze brevi, effettuate da settembre a novembre 2014. Una copertura decisa in via d’urgenza, ricorrendo a un decreto legge, che non intacca il bilancio del Ministero all’Istruzione e che anticipa il pagamento degli stipendi dei supplenti, altrimenti rinviato di qualche mese.

“Il governo – conclude Faraone – si è fatto carico di questo problema, a dimostrazione del fatto che non tutto può essere affrontato e risolto in termini contabili. Stiamo costruendo la buona scuola giorno dopo giorno perché è una nostra priorità. Questa ne è un’ulteriore prova”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Bruxelles il Consiglio Istruzione, gioventù, cultura e sport presieduto da Giannini

Next Article

Bari, al liceo sospensioni e denunce dopo l'occupazione. Gli studenti: "Basta abusi di potere"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".