60 borse per dottorato dall'ateneo di Udine

L’Università di Udine ha appena messo a concorso 173 posti per futuri ricercatori che saranno introdotti nei 20 corsi di dottorato di ricerca attivati per questo anno accademico. Ben 60 di questi posti sono coperti da borse di studio finanziate dall’ateneo e dal Miur. L’importo annuale lordo delle borse di studio, che quest’anno ha subito un notevole aumento, è pari a 13.638 euro.
Ogni corso di dottorato prevede tre posti con borsa di studio, tre senza e un numero variabile di posti in soprannumero. I corsi di dottorato hanno durata triennale e partono il primo gennaio 2009; possono partecipare al concorso, senza limiti d’età e di cittadinanza, i laureati in possesso della laurea vecchio ordinamento, specialistica, magistrale o di un analogo titolo conseguito all’estero.
Il dottorato di ricerca è il terzo livello della formazione universitaria dopo la laurea triennale e quella magistrale; questo titolo fornisce le competenze necessarie per esercitare attività di ricerca presso università, enti pubblici o soggetti privati.

La domanda di iscrizione al concorso per partecipare all’assegnazione delle borse di studio e del posto ai corsi di dottorato va inoltrata per via telematica entro le 24 di giovedì 25 settembre al sito internet www.uniud.it/ricerca/finanziamenti/dottorato/Bandi_attivi dove è anche reperibile il bando completo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage per Web designers

Next Article

Concerto inaugurale con polemica

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.