L’odore materno aiuta i bambini autistici

autismo_1Interessante e innovativo, lo studio pubblicato dal Dipartimento di Psicologia generale dell’Università di Padova sul giornale Biological Psychiatry, intitolato “Body odors promote automatic imitation in autism”. La ricerca potrebbe aiutare gli studiosi a sperimentare nuove terapie comportamentali da usare sui bambini affetti da autismo.

Secondo l’Università di Padova, l’odore materno aiuta i bambini autistici.
Il profumo della madre è più semplice da riconoscere rispetto agli altri. Grazie al suo particolare odore, il bambino può identificare più facilmente la madre e di emulare i suoi atteggiamenti. 

L’idea di uno studio in materia è partita dall’abitudine dei bambini autistici di annusare spesso gli indumenti dei loro interlocutori. I piccoli si servono dell’olfatto per interagire con il mondo esterno e per associare le persone ai loro comportamenti. 

Ben venti bambini, secondo i ricercatori, hanno associato il profumo materno a dei movimenti specifici e li hanno imitati, migliorando così la qualità della loro interazione con  la realtà esterna.

AZ

Total
0
Shares
1 comment
  1. Sono separato da sette anni e con regime di affidamento condiviso.purtroppo quando mi sono separato ho scelto che i miei figli stessero tre giorni con me. E tre con la mamma quindi fanno avanti e indietro da una casa all’altra ormai da sette. Anni.il problema e’ che oltre ad essere distrutti da questi avanti e indietro tre anni fa a mio figlio e’ stato diagnosticato l’autismo.mi chiedo se e’ possibile che un bambino portatore di questo handicap possa continuare a fare questa vita , visto che e’ da quando che mio figlio ha questa patologia che sto lottando con la giustizie e il tribunale per fargli avere una vita più tranquillia , quindi a casa o mia o della madre la quale continua a sostenere che questo regime va bene.tra l’altro lui adora la mamma e continua a dire quando e’ con me che e’triste prche’gli manc la sua mamma , se la vuole sposare ecc…..

Lascia un commento
Previous Article

Meloni e Crosetto chiedono scusa agli italiani con un nuovo video

Next Article

"Raggirati dal direttivo", specializzandi occupano il san Raffaele

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.