“Raggirati dal direttivo”, specializzandi occupano il san Raffaele

ospedale_san_raffaele_milano

“Stiamo occupando il rettorato perché ci sentiamo raggirati dal direttivo dell’università e non abbiamo più fiducia nelle loro comunicazioni”, ha detto Leda Nobile, specializzanda del IV anno in Anestesia.

Insieme ad un centinaio di specializzandi in medicina, dottorandi e laureati in attesa di concorso, ha occupato il rettorato dell’Università Vita e Salute del San Raffaele di Milano.

Raffaella Voltolini, presidente del cda dell’Università, avrebbe inviato una lettera al ministro Profumo, spiegandogli che “alla luce della disponibilità dell’ospedale San Raffaele a limitare il rapporto convenzionale per il solo anno accademico 2013-14, ora è in fase di valutazione un rapporto convenzionale con altro ente ospedaliero di grande prestigio”.

Gli specializzandi però non ci stanno e si sentono presi in giro poiché, dicono, fosse stato loro assicurato che l’università era decisa a difendere la continuità didattica. “E’ l’ospedale ad interferire con atteggiamenti vessatori, non l’università”, sarebbe stato detto alla Nobile.“Oggi veniamo invece a conoscenza che stanno valutando la convenzione con un altro ospedale”, ha detto la specializzanda.

I giovani, però, sono decisi a non cedere.“L’occupazione durerà fin quando non avremo la certezza di rimanere convenzionati con l’ospedale San Raffaele nei termini proposti dal ministro Profumo”, hanno scritto gli specializzandi.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'odore materno aiuta i bambini autistici

Next Article

Bottiglie per produrre scarpe

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.