Dopo lo stage, il lavoro

Aumentano le opportunità dopo lo stage. Lo dimostrano i dati diffusi oggi dal sistema informativo Excelsior di Unioncamere e ministero del Lavoro: nel 2010 sono stati circa 38mila i giovani che dopo avere hanno effettuato uno stage o un tirocinio sono stati assunti dalle aziende che li ospitavano.

Numeri non da poco visti i tempi che corrono, peraltro in crescita rispetto al 2009, quando gli stagisti poi integrati in impresa erano stati quasi 37mila.

Questo malgrado sia il numero delle imprese coinvolte sia quello dei tirocinanti sia diminuito rispetto al recente passato.

Durante lo scorso anno, infatti, le imprese che hanno ospitato giovani in cerca di una esperienza di lavoro, il 32% dei quali laureato o prossimo alla laurea, sono state il 13,3% del totale (erano il 14,8% nel 2009). In termini percentuali, l’entità del fenomeno (e, più nello specifico, anche la disponibilità ad accogliere in stage giovani laureati o laureandi) aumenta in maniera esponenziale al crescere della dimensione dell’azienda. In valore assoluto cala anche il numero degli stage attivati lo scorso anno: sono stati in totale 310.820 a fronte dei 321.850 del 2009, con una contrazione che ha interessato essenzialmente il settore dei servizi e quello dei servizi di alloggio e ristorazione.

fonte: borsa italiana

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Monster University Tour

Next Article

Borse di studio per residenze universitarie IPE

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.