La settima arte nella tua vita

Giorni di riflessione sul futuro formativo e lavorativo, prima di affrontare il passo decisivo che si compierà a settembre.

Giorni di riflessione sul  futuro formativo e lavorativo, prima di affrontare il passo decisivo che si compierà a settembre. Vi presentiamo dunque l’offerta del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma che abbraccia ogni ramo artistico della settima arte,  dalla recitazione, alla regia, alla fotografia e il montaggio.

Fondata nel 1935, la Scuola Nazionale di Cinema assume  molto presto un posto centrale nel contesto internazionale, diventando un fondamentale punto di riferimento non solo per il cinema italiano ma per il cinema di tutto il mondo. Molti istituti nasceranno sotto la sua diretta influenza, che dura anche oggi con la stessa fama.

La formula vincente della scuola- ci racconta il direttore della Scuola, Adriano De Santis , è una preparazione a 360°, non dogmatica che offre un ampio ventaglio di metodi con l’obiettivo di sviluppare nell’allievo il proprio metodo creativo e tecnico.  Importante evidenziare che la prova di recitazione è aperta a tutti i candidati. Non ci sono pre-selezioni per accedere al provino poiché il responsabile del corso, l’attore Giancarlo Giannini, è fermamente convinto nell’essenza e nella potenzialità del talento che non può essere costretto entro titoli accademici.  Gli allievi- preselezionati affronteranno un corso propedeutico che stabilirà le ammissioni definitive. Notevole la percentuale di inserimento nell’ambiente lavorativo che arriva al 70% degli “alumni”.

La Scuola ha sviluppato una rete di interrelazione con le Università e i principali Festival nazionali e internazionali con cui partecipa attivamente e in modo costante. Sistematiche le politiche di collaborazione con le maggiori case di produzione cinematografiche e televisive, è membro del Cilect, comitato internazionale delle principali scuole europee di cinema e televisione e del Geect, gruppo europeo delle scuole di cinema e televisione.

L’insegnamento dunque è libero ed esercitato nel rispetto del pluralismo delle idee e delle tendenze e manifestazioni artistiche. Orienta gli allievi a conseguire i loro obiettivi di alta formazione artistica, culturale e professionale.

I corsi

Il programma didattico è strutturato per aree interdisciplinari ed è finalizzato alla specifica preparazione in fotografia, montaggio, produzione, recitazione, regia, sceneggiatura, scenografia, costume, tecnica del suono. Finalizzato a sviluppare la capacità di una collaborazione attiva e propositiva tra i vari corsi, evidenzia il valore della sinergia creativa che il cinema intrinsecamente comporta.

I moduli didattici proposti favoriscono, in questo senso, la creazione di un ‘laboratorio permanente’ di tutte le componenti tecniche e artistiche che concorrono alla creazione dei film, stimolando un fecondo processo di sperimentazione e ricerca in un clima di dibattito e cooperazione, da cui  sorgano idee e progetti comuni.

Numerosi laboratori, workshop e incontri con personaggi del cinema e dello spettacolo fanno parte integrante dei programmi didattici e sono finalizzati a mantenere alto lo spazio di confronto intellettuale. L’interscambio di intere generazioni di autori è valorizzato anche attraverso il Cilect, di cui la Scuola fa parte, l’associazione che raggruppa le migliori scuole di cinema del mondo.

I corsi sono a numero chiuso e con frequenza obbligatoria, hanno una durata triennale. I primi due anni sono dedicati alla formazione generale e a quella specialistica; si svolgeranno lezioni teoriche e attività pratiche, sempre organizzate e dirette dai docenti. Il terzo anno sarà dedicato prevalentemente alla realizzazione del saggio di diploma, di norma un film a cortometraggio.

Responsabili dei corsi

II  docenti di riferimento: Piero Tosi (costume), Giuseppe Rotunno (fotografia), Roberto Perpignani (montaggio), Domenico Maselli (produzione), Giancarlo Giannini (recitazione), Daniele Luchetti (regia), Franco Bernini (sceneggiatura), Andrea Crisanti (scenografia),  Federico Savina (tecnica del suono). La scelta dei docenti di riferimento e la loro collaborazione assicurano un costante aggiornamento dei programmi didattici rispetto alle continue innovazioni del settore cinematografico e audiovisivo.

Requisiti

Età dai 18ai 26 anni (23 per il corso di recitazione); Diploma di scuola media superiore o titolo di studio equivalente (anche da conseguire entro l’anno); Buona conoscenza della lingua inglese; Buona conoscenza della lingua italiana per candidati extracomunitari.

Nota bene

In considerazione delle numerose richieste ricevute la data di scadenza per la presentazione delle domande di iscrizione al bando di concorso 2012/14 della Scuola Nazionale di Cinema è prorogata fino alle ore 12.00 del giorno 8 agosto 2011.

Si precisa che entro detta scadenza devono essere completate tutte le procedure di iscrizione previste dal bando di concorso, con particolare riferimento al “caricamento” dei materiali filmati.

Per scaricare la versione integrale del bando di concorso, cliccare qui

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage a Ginevra presso UNAIDS

Next Article

Appello delle università a Napolitano contro il progetto Tav

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.