24 novembre, parte oggi il processo agli studenti: “Quel giorno c’eravamo tutti”

TORINO - SCONTRI TRA STUDENTI E FORZE DELL'ORDINE

Parte oggi il processo contro 12 studenti della Sapienza, accusati di “attentato contro gli organi costituzionali” per le manifestazioni del 24 novembre del 2010, quando migliaia e migliaia di ragazzi si riunirono per le strade della Capitale per protestare contro la Riforma Gelimini.

L’accusa per gli studenti potrebbe portare a una reclusione fino a 5 anni. Dai tetti degli edifici della Sapienza, questa mattina, sono comparsi diversi striscioni per ricordare l’evento e per esprimere solidarietà con i ragazzi coinvolti.

processo
Lo striscione apparso alla Sapienza questa mattina

“Quel 24 novembre del 2010 in tutto il paese migliaia di studenti si mobilitavano contro la rifoma Gelmini, ed a Roma un corteo di diverse decine di migliaia di persone si impadroniva delle piazze e delle strade della capitale – scrivono i ragazzi di Link – Coordinamento Universitario. Quel 24 novembre del 2010 dietro alle porte del Senato della Repubblica c’eravamo tutti!”.

RN

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I giovani medici non ci stanno: "Maria Chiara Carrozza non si tocca"

Next Article

Se i social network fossero sempre esistiti: la pagina che spopola sul web

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".