2 Stagisti a Milano nel controllo di gestione

Asgroupe, gruppo francese editore di applicativi di Corporate Performance Management (controllo di gestione e bilancio consolidato) per gruppi, per la filiale italiana, situata a Milano, cerca due stagisti da inserire nell’area consulenza controllo di gestione e bilancio consolidato.
I tirocinanti si occuperanno dell’analisi dei bisogni, dell’implementazione e della formazione presso i gruppi clienti assieme a un team di lavoro. I candidati dovranno avere una spiccata capacità d’analisi e relazione con il management del cliente dato che interagiranno con le Direzioni Pianificazione e Controllo e Amministrazione e Finanza dei gruppi.
Gli stagisti avranno la possibilità di analizzare e creare i modelli di CPM (Corporate Performance Management) di Gruppo lavorando con consulenti esperti; lavoreranno in un ambiente giovane, dinamico e internazionale con possibilità di crescita professionale e assunzione al termine del periodo di stage. E’ richiesta una buona conoscenza della lingua inglese o francese.
Lo stage durerà sei mesi ed avrà inizio il primo settembre 2008. Sono richieste maturità scientifica o ragioneria e laurea nel settore economico o ingegneristico. L’azienda ha posto un limite d’età che va da un minimo di 25 anni a un massimo di 30. Tutti gli interessati possono inviare il proprio curriculum all’indirizzo [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le Fondazioni per l'innovazione

Next Article

Consiglieri commerciali per il Gruppo Renault

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.