100 borse di studio per studenti con asilo politico

Per l’accesso ai corsi di laurea, laurea magistrale, laurea magistrale a ciclo unico e dottorato di ricerca presso le università italiane, a.a. 2018/19.
Il Ministero dell’Interno, di concerto con  la CRUI e in collaborazione con l’ANDISU, in attuazione del Protocollo d’Intesa siglato tra il Ministero dell’Interno e la CRUI il 20/07/2016, hanno messo a disposizione 100 borse di studio per gli studenti titolari di protezione internazionale (con status di rifugiato o beneficiario di protezione sussidiaria), costretti ad interrompere il percorso di studi avviato nel Paese d’origine.
Anche per l’anno accademico 2018/2019  si è  proceduto, pertanto, alla predisposizione di un nuovo bando al quale possono partecipare:

  • gli studenti, vincitori dei bandi per gli anni accademici  2016/2017 e 2017/2018 per i quali sussiste lo status di titolari di protezione internazionale, che hanno diritto alla conferma della borsa di studio;
  • gli studenti titolari di protezione internazionale in possesso di un titolo di studio valido per l’iscrizione al corso di laurea, laurea magistrale, laurea magistrale a ciclo unico o dottorato di ricerca prescelto, che si iscrivono per la prima volta al sistema universitario italiano.

Come nelle precedenti edizioni, i borsisti potranno usufruire dei servizi di vitto e alloggio previsti dalla borsa, attraverso il contributo forfettario erogato dal Ministero all’Ateneo.
Gli Atenei ospitanti, inoltre, garantiranno agli assegnatari della borsa di studio:

  • l’esenzione delle tasse, dei contributi universitari;
  • l’utilizzo dei servizi didattici (biblioteche, centri);
  • copertura del premio dell’assicurazione infortuni.

Le domande potranno essere presentate accedendo alla pagina indicata entro le ore 24.00 del 29/07/2018.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuovi bandi per chi sogna una carriera nell'UE

Next Article

La rassegna stampa di martedì 17 luglio

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.