1 miliardo all'Università

”Penso che nell’emendamento ci sarà un miliardo per l’università”. Parole di Giulio Tremonti durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi, al termine del consiglio dei ministri

”Penso che nell’emendamento ci sarà un miliardo per l’università”.  Parole di Giulio Tremonti durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi, al termine del consiglio dei ministri riferendosi all’emendamento che sarà presentato alla legge di stabilità. Se il provvedimento verrà approvato, rispetto all’anno scorso ci sarà un taglio netto di 316 milioni. A sorpresa dunque la previsione finanziaria del Ministro del Tesoro il quale qualche settimana fa avevo affermato che le risorse per il FFO si sarebbero discusse in sede di finanziaria .
I tagli al fondo di finanziamento ordinario degli atenei, annunciati quest’anno corrispondevano a un 3.72% rispetto all’anno precedente, con un taglio di 279 milioni di euro nel 2010 (per una disponibilità totale finale di 7.206 milioni di euro a fronte dei 7.485 del 2009). Riduzione finanziaria che aveva turbato profondamente il mondo accademico in quanto si vedeva impossibilitato a portare avanti l’ordinaria amministrazione dei singoli atenei
E’ quanto aveva chiesto il presidente della Crui, professor Decleva, mentre il CUN (Consiglio Universitario Nazionale) considera fondamentale riportare i volumi finanziari alla necessaria stabilità su base pluriennale”, unica condizione “per operare un deciso rilancio degli improrogabili processi valutativi della ricerca e della didattica”.
Considerazioni del portavoce dell’Associazione nazionale docenti universitari (Andu), Nunzio Miraglia: “Si tratta di un recupero parziale dei tagli, forse sufficiente a fare sopravvivere gli Atenei”.
Il rettore dell’Università di Firenze, ricorda  che nel 2011 è previsto un taglio delle risorse del 15% rispetto al 2009 e che qualunque idea di riforma perde concretezza e minaccia il ruolo e la missione dell’università pubblica.
Seguiremo gli sviluppi nei giorni a seguire. Discussione del ddl Gelmini alla Camera, probabilmente il 26 novembre 2010.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giornalisti per Napoli

Next Article

Fabiani, interrogativi sul budget 2010

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).