Stagisti con Conai

stagisti con CONAI

Stagisti con Conai Premi di laurea che renderanno possibile lo svolgimento di tirocini semestrali in aziende della green economy

Ecco come passare dalla tesi allo stage, senza nemmeno accorgersene. Il Progetto Green Jobs CONAI chiama all’appello coloro che negli ultimi tre anni accademici abbiano discusso una tesi su tematiche legate alla gestione dei rifiuti di imballaggio.

Verranno selezionati i 10 lavori più interessanti, gli autori avranno diritto ad altrettanti stage retribuiti con 500 euro mensili della durata di 6 mesi presso aziende che operano nella green economy o caratterizzate da una forte impronta di sostenibilità ambientale.

Il premio CONAI è destinato a laureati dei dipartimenti di ingegneria, economia, scienze e tecnologie ambientali di alcuni atenei italiani: Università Bocconi di Milano, Università degli Studi di Bologna, Università cattolica del Sacro Cuore, Politecnico di Bari, Seconda Università di Napoli, Università degli Studi di Palermo, La Sapienza di Roma.

C’è tempo fino al 7 ottobre per partecipare. Il bando integrale, il regolamento del concorso e la scheda per la domanda sono disponibili dal sito del Consorzio Nazionale Imballaggi:

www.conai.org/hpm01.asp?CgiAction=Display&IdCanale=146&IdNotizia=2135

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giovani tirocinanti per Aon

Next Article

Papa Francesco in viaggio verso il Brasile. Giovedì giornata mondiale dei giovani

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.