Youth opportunities per i giovani europei

Nonostante tutti gli sforzi messi in atto dall’UE e dai suoi paesi membri, le prospettive di occupazione per i giovani europei restano nebulose. Per far fronte a questa situazione, la Commissione europea, in collaborazione con i paesi dell’UE, propone l’iniziativa  Opportunità per i giovani, invitando gli Stati membri a impegnarsi a prevenire l’abbandono scolastico, mediante lo sviluppo di competenze che rispondano alle esigenze del mercato del lavoro, garantendo la possibilità di esperienze professionali e di formazione sul posto di lavoro e agevolando l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

La Commissione sollecita gli Stati membri a fare un miglior uso del Fondo Sociale Europeo, che dispone di 30 miliardi di euro destinati a finanziare nuovi progetti non ancora assegnati.

La Commissione ha inoltre proposto una serie di iniziative concrete che saranno finanziate direttamente dai fondi europei.

L’iniziativa Opportunità per i giovani” – ha dichiarato José Manuel Barroso, Presidente della Commissione europea – “ dimostra ai giovani europei che siamo attenti alla loro situazione. Abbiamo dato ascolto alle loro richieste, ripetute da Madrid a Bruxelles, di essere parte attiva della società europea. La riforma a lungo termine del mercato del lavoro è una necessità evidente, ma ci vorrà tempo perché produca I risultati attesi. Con questa iniziativa affermiamo la necessità di agire immediatamente per ridurre la disoccupazione giovanile.”

Risultati attesi

Una collaborazione tra Commissione, autorità nazionali, parti sociali e società civile, con finanziamenti europei più mirati, potrà aumentare le possibilità di lavoro per i giovani.

Almeno 5 000 giovani potranno beneficiare dell’iniziativa “Il tuo primo posto di lavoro EURES”, che rafforza la possibilità di trovare lavoro nei paesi membri.

I paesi dell’UE istituiranno meccanismi per assicurare che, entro quattro mesi dalla fine del loro percorso scolastico, i giovani abbiano un lavoro, proseguano gli studi o seguano una formazione.

La Commissione elaborerà un quadro per tirocini di alta qualità in modo da rendere più trasparenti le informazioni sulle opportunità disponibili a livello europeo, sulle condizioni di accesso e sugli obiettivi perseguiti.

László Andor, Commissario responsabile per l’occupazione, gli affari sociali e l’integrazione, ha posto in rilievo l’importanza di affrontare il problema della disoccupazione giovanile: “La condizione dei giovani in molti paesi europei sta diventando drammatica. Senza un intervento deciso a livello europeo e nazionale rischiamo di lasciare indietro questa generazione, con pesanti costi economici e sociali.” Rilevando che l’incidenza sulla società del tasso attuale di disoccupazione giovanile è stimata in circa due miliardi di euro la settimana – più dell’1% del PIL dell’Unione – il Commissario ha aggiunto: “La tendenza attuale non può continuare, dobbiamo dare speranza ai giovani. Sono loro il nostro futuro”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test truccati, patteggiamenti a Bari

Next Article

L'arte, un fiore a primavera

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).