Wind: stage retribuiti per giovani laureati

stage retribuiti

Stage retribuiti con WindL’azienda è alla ricerca di ingegneri delle telecomunicazioni per i suoi uffici di Roma. Offerto stage di 6 mesi con rimborso spese.

 

Wind cerca giovani ingegneri per stage nell’area technology. L’impresa di telecomunicazioni ha pubblicato sul suo sito l’annuncio di lavoro rivolto a giovani laureati da inserire negli uffici romani della compagnia. L’offerta consiste in un tirocino di 3+ 3 mesi e prevede un rimborso spese ai candidati che saranno selezionati.

Requisiti richiesti sono la laurea in Ingegneria delle telecomunicazioni conseguita con un alta votazione entro 12 mesi, l’ottima conoscenza della lingua inglese. i candidati ideali non devono avere più di 26 anni al momento della presentazione della domanda, devono essere appassionati del mondo delle telecomunicazioni e avere una buona predisposizione al lavoro in team.

I candidati, inoltre, saranno integrati all’interno di un progetto finalizzato alla definizione di nuove metodologie al fine di misurare la Network Service Quality e la corrispondente Customer Experience in ambito Mobile Broadband.

Per candidarsi all’offerta basta andare sul sito di Wind alla sezione Offerte di lavoro, dove potrete postare il vostro curriculum vitae e inoltrare la richiesta. Nella stessa sezione, inoltre, troverete tutte le altre offerte dell’azienda.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Orientasud, vince la voglia di riscatto: "Lavoriamo perché i giovani del Sud non debbano più emigrare"

Next Article

DAAD: 200 borse di studio per studiare in Germania

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.