DAAD: 200 borse di studio per studiare in Germania

daad

Borse di studio del valore di 750 o di 1.000 euro al mese per studiare in Germania. Il DAAD, Servizio tedesco per lo scambio accademico, mette a disposizione diversi bandi per studenti e laureati che desiderano svolgere parte dei propri studi in Germania.

Per quest’anno l’Istituto tedesco ha messo a disposizione degli studenti italiani ben 200 borse di studio. I programmi in cui spendere la borsa riguardano qualsiasi corso di studio e non in tutti i casi è necessaria la conoscenza del tedesco: in Germania, infatti, esistono più di 1.200 scuole che prevedono corsi di studio erogati in lingua inglese e molte di queste partecipano ai programmi del DAAD.

Le borse di studio del valore di 750 euro mensili sono rivolte a studenti che stanno completando o hanno già terminato il percorso di laurea triennale o specialistica; quelle del valore di 1.000 euro al mese, invece, sono rivolte a studenti di dottorato o per progetti post doc.

Ecco i link dove troverete i diversi bandi messi a disposizione:

Borse di studio per studenti di laurea triennale

Borse di studio per studenti di laurea specialistica o magistrale

Borse per dottorandi

Borse di studio post doc

 

Sul sito del DAAD potete trovare, inoltre, diverse informazioni relative ai corsi di lingua tedesca promossi dall’ente.

Il DAAD rappresenta le università tedesche all’estero e promuove la mobilità di studenti, dottorandi, ricercatori e professori attraverso svariati programmi di borsa di studio. Con un bilancio di oltre 400 milioni di euro è la più grande organizzazione a livello mondiale per il sostegno agli scambi accademici.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Wind: stage retribuiti per giovani laureati

Next Article

Benvenuta San Suu Kyi: un Nobel a Bologna

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.