Vqr, l’Anvur modifica il rapporto finale e ribalta le classifiche degli atenei

Anvur modifica le classifiche

Anvur, modifica le classifiche. Il gruppo dei ricercatori del Roars ha scoperto che l’Agenzia Nazionale di Valutazione della Ricerca ha pubblicato sul suo sito dati  diversi rispetto a quelli diffusi alla stampa. Valutate in maniera errata molte Università ed enti di ricerca italiani

La prima fotografia certificata della qualità della ricerca italiana sembra essere stata ribaltata nel giro di pochi giorni: sbagliati i nomi degli atenei che occupavano i primi posti. Nella prima versione delle classifiche che l’Anvur aveva dato il 16 luglio ai giornalisti, compaiono, infatti, nomi diversi rispetto a quelli pubblicati poi successivamente sullo stesso sito dell’Agenzia di Valutazione. Dove sta l’errore, lo spiegano i ricercatori del Roars sul loro sito: “L’Anvur ha fornito alla stampa classifiche diverse da quelle desumibili dal Rapporto Finale della Valutazione di Qualità della Ricerca. In particolare sono state cambiate le soglie di demarcazione dei segmenti dimensionali degli atenei. Come conseguenza, cambiano parecchie posizioni di testa”.

A non prenderla bene, sembra sia stato il Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza, ma anche molti atenei ed enti di ricerca, precipitati dalle prime posizioni alle ultime. A rischio reputazione il Sant’Anna di Pisa che, da prima per qualità delle università piccole, è diventata la quinta delle università medie, dopo Trento, Milano Bicocca, Verona e Bolzano.

Il gruppo di ricercatori e docenti del Roars, nell’articolo “VQR: le classifiche dell’ANVUR per i giornalisti” ha analizzato cosa è successo nella classifica delle top universities a pochi giorni di distanza dalla presentazione dei dati ufficiali. Noi ve lo riproponiamo qui.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Universo segreto prima del Big Bang

Next Article

Fumo bandito in tutti gli ambienti scolastici. La proposta del Ministro Lorenzin

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.