Von der Leyen: “2022 anno dei giovani e della transizione ecologica”

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha pronunciato il suo discorso sullo stato dell’Unione europea 2021 davanti ai membri del Parlamento europeo a Strasburgo, in Francia, presentando le sue priorità per l’anno a venire e delineando la sua visione di come l’Unione europea potrebbe evolvere di anni.

Da questo punto di vista, Ursula von der Leyen ha concentrato il suo discorso sulla ripresa dell’Europa dalla crisi del coronavirus, sottolineando in particolare la preparazione sanitaria, la dimensione sociale, la leadership tecnologica e un’Unione della difesa.

Il Presidente ha inoltre sottolineato l’importanza di rimanere fedeli ai valori europei, compresa la cura dei più vulnerabili, la difesa della libertà dei media, il rafforzamento dello Stato di diritto nell’Unione e l’emancipazione dei nostri giovani. Ha anche incoraggiato le partnership globali ad agire sui cambiamenti climatici.

“La nostra Unione diventerà più forte se si farà ispirare dalla nostra generazione futura, così riflessiva, determinata e premurosa. Saldamente ancorata ai valori e audace quando si tratta di agire. Questo spirito sarà più che mai importante nei prossimi dodici mesi.”

Discorso sullo stato dell’Unione 2021 della Presidente von der Leyen

questa è l’anima dell’Europa;
questo è il futuro dell’Europa.
Rendiamola più forte, insieme.

Guarda l’intero discorso qui ↓

Total
3
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stop alle emissioni di gas serra: la Juventus ingaggia la Scuola Superiore Sant'Anna

Next Article

Dalla Lombardia alla Sardegna in crescita i casi di Covid in classe. Ma Bianchi assicura: "Non ci sarà ricorso massiccio alla Dad"

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".