Volontariato in Russia per insegnare ai bamibini ad essere cittadini del mondo

Assicurare un’educazione di qualità è uno dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile che l’ONU desidera raggiungere in tutto il mondo con il sostegno di organizzazioni internazionali come AIESEC. Un’educazione improntata non solo sull’insegnamento delle materie tradizionali, ma anche sullo sviluppo sostenibile, i diritti umani e la parità di genere. Questi valori possono e devono essere insegnati fin dalla tenera età per formare dei cittadini consapevoli del mondo che li circonda.
Questo progetto di 6 settimane, con durata dal 22 novembre al 6 gennaio, si svolgerà nelle scuole materne della città russa di Kemerovo. In particolare il compito del volontario sarà quello di preparare lezioni e workshops interattivi al fine di insegnare nozioni di inglese base e cultura e tradizioni del proprio paese a bambini dai 3 ai 6 anni. Possono partecipare al progetto gli studenti e i laureati dai 18 ai 30 anni con un livello intermedio di conoscenza della lingua inglese. Il processo di selezione consiste nel preparare un breve video di presentazione in inglese.
Durante questa esperienza il volontario sarà inserito in un team internazionale e verrà coinvolto dai volontari AIESEC di Kemerovo in attività ludiche e culturali per scoprire le attrazioni e le tradizioni della cittadina russa. L’alloggio è previsto ma il costo è a carico del volontario. AIESEC invita a cogliere l’opportunità di vivere un’esperienza fuori dal comune alla scoperta dell’immensa Russia, ma anche di se stessi per crescere, personalmente e professionalmente.
Per candidarsi al progetto visitare il sito AIESEC alla sezione Global Volunteer, iscriversi alla piattaforma e cercare l’opportunità “International Kindergarten (4th wave)”. Per maggiori informazioni scrivere a i[email protected].

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di venerdì 15 settembre

Next Article

Disoccupazione giovanile, Mentana duro: "Non si fa assolutamente nulla per invertire tendenza"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.