Volontariato in Colombia per insegnare l’inglese ai ragazzi con AIESEC

AIESEC è il network internazionale di giovani più grande al mondo, presente in più di 120 Paesi e Territori. L’ obiettivo principale è quello di sviluppare una leadership consapevole nei giovani tramite esperienze di volontariato e tirocinio all’estero. Dal 2015, inoltre, AIESEC collabora con le Nazioni Unite per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’agenda 2030: ogni progetto è connesso ad una specifica problematica e permette ai ragazzi di agire, tramite piccole azioni quotidiane, alla risoluzione e sensibilizzazione di questo obiettivo.
Non tutti hanno la possibilità di avere un’istruzione completa in Colombia, soprattutto nelle zone periferiche, per questo AIESEC ha attivato il progetto di volontariato “We Speak”. L’esperienza, con durata dal 14 Gennaio al 25 Febbraio, nasce con lo scopo di fornire maggiore conoscenza della lingua inglese a bambini, ragazzi e adulti della città di Cùcuta, situata al confine con il Venezuela. Le principali attività di cui ti occuperai saranno preparare lezioni e attività per insegnare la lingua inglese all’interno di classi di studenti, e affiancare altri insegnanti di inglese del luogo.
Prendendo parte a questo progetto in Colombia avrai l’opportunità di creare un impatto positivo sulla realtà locale di Cùcuta, migliorare non soltanto il tuo inglese ma anche quello degli abitanti del posto e contribuire al Global Goal numero 4 per una migliore educazione. Avrai, inoltre, la possibilità di entrare a far parte di un team internazionale di giovani ragazzi e conoscere persone provenienti da tutto il mondo.
Il processo di selezione consiste in una chat nella quale il candidato potrà presentarsi e motivare la scelta del progetto. La quota associativa per partecipare al programma Global Volunteer è di 300 euro. L’alloggio e un pasto al giorno sono inclusi nella quota di partecipazione.
 
Scadenza candidature: 30 Gennaio 2019
Per candidarsi al progetto o scoprirne di nuovi, visitare il sito aiesec.org.
Per maggiori informazioni scrivere a [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 4 settembre

Next Article

Bambini "Cuochi per un giorno" al Festival nazionale di cucina under 13

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.