Volkswagen, lavoro e stage

Volkswagen ricerca: 4 tecnici, commerciali, 3 product manager e un project manager IT.

Opportunità nel mondo Volkswagen: 4 tecnici, come il responsabile tecnico di zona o lo specialista della formazione tecnica; una decina di commerciali, 3 product manager e un project manager IT.

Per alcune è necessaria una laurea specifica (tecnica, economia, ingegneristica) mentre altre posizioni richiedono un diploma universitario di primo livello.

Le persone selezionate avranno base principalmente nella sede di Verona, ma l’area commerciale recluta anche per la filiale di Milano.

Ci sono opportunità di inserimento diretto per chi ha esperienza e di stage o di contratti a tempo determinato per i neolaureati.

La laurea in discipline informatiche o ingegneria gestionale è indispensabile per il project manager IT, mentre al responsabile di zona service, che è un area manager nell’ambito del post -vendita non è richiesta una laurea specifica, ma solo una cultura a livello universitario e la posizione è aperta anche ai junior.

Due posizione aperte per l’area stage con rimborso spese: uno nel reparto IT e uno in amministrazione del personale.

Per maggiori informazioni, visitare il sito della Volkswagen, sezione Job opportunities.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mutui online per i giovani

Next Article

Paolo Grossi: i giovani verso l'Europa

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.